Coronavirus, l'analisi del bollettino del 29 maggio: nessun morto in 8 regioni

L'analisi scientifica dei dati comunicati dalla Protezione Civile nel bollettino quotidiano sull'emergenza coronavirus delle ore 18
29.05.2020 22:40 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
Coronavirus, l'analisi del bollettino del 29 maggio: nessun morto in 8 regioni

29 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 29 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "La velocità del virus scende, i morti giornalieri purtroppo salgono. L'analisi voce per voce.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati scendono leggermente a 72.135, mantenendo comunque un livello alto. Il rapporto tra test processati e positivi raggiunge il livello di un positivo ogni 139,80, salendo rispetto a ieri. Dato ancora più importante è tra persone testate e positive: oggi sono state testate 38.233 persone, quindi si ha un positivo ogni 74 persone, ovvero l'1,3%.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti sale a 98 giornalieri. Dal conto complessivo vanno tolti 11 decessi delle Marche, per i quali è stata erroneamente comunicata la positività al virus. Non si registrano vittime in Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Basilicata, Sicilia, Sardegna. L'incremento dei guariti è di 2.240, per un calo dei malati 1.811 unità.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Terapie intensive e ricoveri scendono di 14 e 285. Confermata la tendenza cha va avanti rispettivamente dal 3 e dal 5 aprile.

CONTAGIO E REGIONI - Dei 516 tamponi positivi rilevati oggi, la maggior parte sono in Lombardia, con 354 nuovi positivi (il 68,6% dei nuovi contagi). Tra le altre regioni più colpite dal coronavirus, l'incremento di casi è di 56 casi in Piemonte, 38 in Emilia Romagna, di 14 in Liguria e di 16 nel Lazio. Nessuna caso in Basilicata, Calabria, Valle d'Aosta, Umbria, Abruzzo e provincia di Bolzano".

28 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 28 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Il dato più positivo è il calo dell'incremento dei morti, sale anche il rapporto tra tamponi testati e positivi. L'analisi voce per voce.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati salgono a 75.893. Il rapporto tra test processati e positivi raggiunge il livello di un positivo ogni 127,98, ieri era di un positivo ogni 115,28. Oggi sono state testate 39.838 persone, quindi si ha un positivo ogni 64 persone, ovvero l'1,6%.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti scende a 70. Non si registrano vittime in Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige, Umbria, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. L'incremento dei guariti è di 3.503, per un calo dei malati di 2.980 unità.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Terapie intensive e ricoveri scendono di 14 e 350. Confermata la tendenza cha va avanti rispettivamente dal 3 e dal 5 aprile.

CONTAGIO E REGIONI - Anche oggi, la maggior parte dei 593 tamponi positivi sono in Lombardia, con 382 nuovi positivi (il 64,4% dei nuovi contagi). L'incremento di casi è di 58 casi in Piemonte, 74 in Emilia Romagna, di 21 nel Lazio, di 16 in Liguria, di 12 in Veneto. Nessun caso in Basilicata, Calabria, Umbria e Sardegna".

27 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 27 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Bollettino in cui scende il rapporto tra tamponi processati e positivi, sale l'incremento dei morti. L'analisi voce per voce.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati salgono a 67.324, non troppo lontani dalla soglia più alta. Il rapporto tra test processati e positivi raggiunge il livello di un positivo ogni 115,28: ieri era di un positivo ogni 145,27, ma nei cinque giorni precedenti si era su gli ordini di grandezza di oggi. Sono state testate 37.299 persone e individuati 584 nuovi positivi: si tratta di un positivo ogni 64 persone, ovvero l'1,6%. Un leggero aumento dovuto all'incremento dei dati lombardi.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti sale a 117. Non si registrano vittime nelle Marche, in Abruzzo, Alto Adige, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. L'incremento dei guariti è di 2.443, per un calo dei malati di 1.976 unità.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Terapie intensive e ricoveri scendono di 16 e 188. Confermata la tendenza cha va avanti rispettivamente dal 3 e dal 5 aprile.

CONTAGIO E REGIONI - Dei 584 tamponi positivi rilevati oggi, la maggior parte sono in Lombardia, con 384 nuovi positivi (il 65% dei nuovi contagi di oggi). L'incremento dei contagi è di 73 casi in Piemonte, 16 in Emilia Romagna, di 12 in Toscana, di 39 in Liguria e di 11 nel Lazio. Tutte le altre regioni ne hanno meno di dieci, zero contagi nelle Marche, Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Basilicata".

26 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 26 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Bollettino record per quanto riguarda il rallentamento del virus, scende anche l'incremento dei morti. L'analisi voce per voce.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati sono 57.674 , in salita rispetto al dato di lunedì. Il rapporto tra test processati e positivi raggiunge il livello record di un positivo ogni 145,27 (una settimana fa era un positivo ogni 77,69). Sono state testate 33.944 persone e individuati come 397 nuovi positivi: si tratta di un positivo ogni 86 persone, ovvero l'1,2%. Anche questo dato è il più basso da inizio epidemia.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti scende a 78, ieri era di 92. Nessuna vittima in Valle D'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Alto Adige, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria. L'incremento dei guariti è di 2.677, per un calo dei malati di 2.358 unità.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Terapie intensive e ricoveri scendono di 20 e 268. Confermata la tendenza cha va avanti rispettivamente dal 3 e dal 5 aprile.

CONTAGIO E REGIONI - Dei 397 tamponi positivi rilevati oggi, la maggior parte sono in Lombardia, con 159 nuovi positivi (il 40% dei nuovi contagi). Tra le altre regioni più colpite dal coronavirus, l'incremento di casi è di 86 casi in Piemonte, 53 in Liguria, 24 in Emilia Romagna e 18 nel Lazio. Zero contagi in Alto Adige, Sardegna, Calabria, Molise e Basilicata".

25 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 25 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Bollettino molto positivo per quanto riguarda la velocità del virus, che diminuisce sempre più. L'incremento dei morti aumenta, visto che oggi sono presenti anche i decessi lombardi. L'analisi voce per voce.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati sono 35.241, prevedibilmente in calo rispetto ai giorni scorsi (la presenza della domenica incide). Il rapporto tra test processati e positivi torna a salire fino a un positivo ogni 117,47 (ieri un positivo ogni 105,13). Sono state testate 20.676 persone (contro i 35.241 tamponi effettuati, molti in controlli) e individuati come detto 300 nuovi positivi: si tratta di un positivo ogni 69 persone, ovvero l'1,4%.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti sale fino a 92, ieri era di 50. I decessi lombardi 24 ore fa erano 0 (dato confermato), mentre oggi sono 34. Nessuna vitttima in Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Alto Adige (1 morto in Trentino), Umbria, Campania, Sardegna, Calabria, Molise, Basilicata. L'incremento dei guariti è di 141.981 per un calo dei malati di 1.294 unità. 

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Terapie intensive e ricoveri scendono di 12 e 428. Confermata la tendenza cha va avanti rispettivamente dal 3 e dal 5 aprile.

CONTAGIO E REGIONI - Dei 300 tamponi positivi rilevati oggi, la maggior parte sono in Lombardia, con 148 nuovi positivi (il 49,3% dei nuovi contagi). L'incremento di casi è di 48 casi in Piemonte, 29 in Emilia Romagna, di 11 in Veneto, di 17 in Liguria e di 16 nel Lazio. In tutte le altre regioni meno di dieci contagi. Un solo caso in Trentino, Abruzzo e Valle d'Aosta, nessuno in provincia di Bolzano e in Umbria, Sardegna, Calabria, Molise e Basilicata".

24 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 24 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Un bollettino particolare oggi, che necessita un approfondimento basato anche su dati non oggettivi.

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati scendono a 55.824, ma il calo è atteso in tutti i bollettini domenicali. Il rapporto tra test processati e positivi è di un positivo ogni 105,13 tamponi, sostanzialmente costante rispetto agli ultimi due giorni: ieri era di uno ogni 108,24, venerdì uno ogni 115,61, ma su un numero maggiore di tamponi, quindi meno risptretto sui sintomatici. Sono stati testati 34.206 nuove persone (contro i 55.824 tamponi effettuati, spesso per controlli), quindi visti i 531 nuovi positivi, si tratta di un positivo ogni 64 persone, ovvero l'1,55%. Parametro stabile negli ultimi giorni e ai minimi da quando questo dato è stato diffuso dalla Protezione Civile.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti è di 50 unità, ma non include il numero della Lombardia. La Regione ha informato che, in seguito a un approfondimento, non risultano decessi negli ospedali, mentre sono stati sollecitati i comuni nella comunicazione di eventuali casi domestici. In ogni caso i 50 morti al di fuori della Lombardia confermano il trend di calo degli ultimi giorni: non si registrano vittime in Sicilia, Sardegna, Valle D'Aosta, Calabria, provincia di Bolzano, Molise e Basilicata. Un solo decesso nelle Marche, in Campania, Puglia e nella provincia di Trento. L'incremento dei guariti si ferma a 1.639 per un calo dei malati di 1.158.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Le terapie intensive scendono di 19 unità, i ricoveri di 82. Numeri sempre più moderati, come prevedibile vista la tendenza costante dai primi di aprile. I ricoverati in terapia intensiva sono meno di dieci in Campania, Trentino Alto Adige, Sicilia, Friuli V.G., Abruzzo, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise, Basilicata".

23 MAGGIO 2020 - Analizziamo oggi, 23 maggio 2020, i dati sul contagio da coronavirus forniti dalla Protezione Civile: "Bollettino simile a quello di ieri, addirittura migliore per quanto riguarda l'incremento dei morti. L'analisi voce per voce

VELOCITÀ DEL VIRUS - I tamponi analizzati rimangono su ritmi molto alti, oggi sono 72.410. Il rapporto tra test processati e positivi è di un positivo ogni 108,24, praticamente stabile rispetto a 24 ore fa quando era di uno ogni 115,61. In particolare sono state testate 42.579 persone (al netto dei 72.410 tamponi effettuati, molti di controllo) e individuati 669 nuovi positivi. Si tratta di un positivo ogni 63 persone, ovvero l'1,57%: un parametro stabile negli ultimi giorni e ai minimi da quando questo dato è stato diffuso dalla Protezione Civile.

AUMENTO DEI MORTI E DEI GUARITI - L'incremento dei morti scende a 119, in calo da due giorni rispetto a una soglia più vicina ai duecento. L'incremento dei guariti si arresta a 2.120, per una diminuzione dei malati di 1.570 unità.

TERAPIE INTENSIVE E RICOVERI - Le terapie intensive e i ricoveri proseguono sulla scia dell'andamento dell'ultimo mese e mezzo. Diminuiscono rispettivamente di 23 e 262 unità, ovviamente con dei tassi più lievi rispetto alla prima fase di discesa.

CONTAGIO E REGIONI - Tra le altre regioni più colpite dal coronavirus, l'incremento di casi è di 60 casi in Piemonte, 43 in Emilia Romagna, di 10 in Veneto, di 12 in Toscana, di 38 in Liguria e di 18 nel Lazio. Nessun nuovo caso in Sicilia, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria e provincia di Bolzano. Nessun nuovo morto in Valle d'Aosta, Umbria, Abruzzo, Campania, Calabria, Molise, Basilicata e provincia di Bolzano".