Figc, indagine sui rimborsi spese: sospesi tre arbitri di Serie A

21.05.2021 06:55 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: ANSA
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Figc, indagine sui rimborsi spese: sospesi tre arbitri di Serie A

Tre arbitri della commissione nazionale della Serie A sospesi, e con loro quattro assistenti. Una misura cautelativa, ma inevitabile dopo che, su segnalazione dell'Aia del neopresidente Alfredo Trentalange, la procura della Figc ha aperto un'inchiesta - come appreso dall'ANSA - per accertare presunte alterazioni sui rimborsi spese nel settore arbitrale. Lo stop di Fabrizio Pasqua, 38enne arbitro della sezione di Tivoli, Federico La Penna, 37enne di Tivoli 1, e Ivan Robilotta, 33enne direttore di gara di Sala Consilina, tutti e tre della commissione che ha unificato di recente A e B, è una nuova tempesta che si abbatte sul mondo dei direttori di gara, al termine di una stagione di transizione dirigenziale nella quale le polemiche sul campo sembravano sopite, almeno fino alle ultime giornate.

LA NOTA DELL'AIA - In una nota, l'associazione arbitri ha fatto il punto su come tutto sia nato, sotto l'impulso di Trentalange: "La nuova presidenza dell'Aia in attuazione dell'obiettivo di maggior trasparenza dell'associazione, ha riscontrato delle incongruenze contabili nella compilazione dei rimborsi spese redatti di alcuni associati. Conseguentemente, nel rispetto dei poteri d'indagine, la presidenza dell'Aia ha inviato tutta la relativa documentazione alla procura federale il 21 aprile scorso", sottolinea l'Associazione italiana arbitri in una nota all'ANSA. "Nell'attesa della conclusione delle indagini - aggiunge l'Aia - gli associati coinvolti nell'accertamento sono stati sospesi dall'attività tecnica in via cautelativa".

Pubblicato 20/05/21

Coppa Italia, De Siervo: "La finale il primo passo verso la normalità"

Correa, flirt in corso? In Argentina sono sicuri: "Ecco chi è la fortunata"

TORNA ALLA HOMEPAGE