Pedro Troglio: "Avremmo dovuto fermarci subito, dimentichiamoci del calcio"

30.03.2020 10:30 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Pedro Troglio: "Avremmo dovuto fermarci subito, dimentichiamoci del calcio"

Gli sono bastate due stagioni e 41 presenze per restare indelebilmente impresso nella memoria e nelle voci dei tifosi della Lazio. Pedro Troglio oggi vive in Honduras, dove allena l'Olimpia, o meglio allenava. Come in tutto il mondo (fatta eccezione per pochissimi campionati, come in Bielorussia), anche la Liga Nacional honduregna si è fermata. La squadra di Troglio era stabile al terzo posto, ma ora poco conta. Intervenuto ai microfoni de El Litoral, l'ex biancoceleste ha parlato dell'emergenza coronavirus: "Il calcio avrebbe dovuto fermarsi ovunque nel momento in cui hanno sospeso i campionati in Europa. Non continuare un'altra settimana. Ora dobbiamo aspettare il momento giusto in cui il mondo tornerà alla normalità: fino a quel momento, dimentichiamoci del calcio. In Honduras siamo nella seconda settimana del coprifuoco. Qui è tutto chiuso, i supermercati aprono una volta alla settimana". La figlia di Pedro Troglio vive in Italia, e ha i sintomi del Covid-19: “La situazione è difficile per tutti. Lei e il suo ragazzo hanno alcuni sintomi, ma sono ben curati. Quando vedi che non puoi andare a seppellire un parente o visitarlo in clinica, ti accorgi della grandezza degli eventi. Ricostruire l'Italia sarà molto difficile. Ma tutti devono cambiare. Dovremo cambiare abitudini". 

LAZIO, POSIZIONE DI ATTESA SUL TAGLIO DEGLI STIPENDI

LAZIO, LE BIG D'EUROPA SU INZAGHI

TORNA ALLA HOMEPAGE