Superlega, Cucchi ribadisce: "Gli avversari non si scelgono né si invitano"

L'ex radiocronista ha pubblicato un tweet in cui ribadisce la sua posizione rispetto alla creazione della Superlega da parte dei 12 top club europei
21.04.2021 18:15 di Tommaso Marsili Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Superlega, Cucchi ribadisce: "Gli avversari non si scelgono né si invitano"

Il mondo del calcio si è mobilitato per contrastare la Superlega, torneo tra i club più prestigiosi del continente con l'intento di ristabilire i bilanci delle società, e alla fine ha avuto la meglio. Dopo solo pochi giorni dalla costituzione della competizione, in seguito alla mobilitazione dei tifosi, i club hanno deciso di tirarsene fuori interrompendo il progetto. Riccardo Cucchi, che per anni ha raccontato il calcio con le sue radiocronache, su Twitter ha ribadito il suo pensiero: "Che il calcio sia industria lo sappiamo da tempo. Che le società siano aziende lo sappiamo da tempo. L' ultimo fattore che ci consente di considerare ancora il calcio uno sport è il risultato conquistato sul campo. Gli avversari non si scelgono. Né si invitano".