Tavecchio: "Imprescindibile finire i campionati. E poi serve una riforma..."

08.04.2020 19:50 di Andrea Marchettini   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Tavecchio: "Imprescindibile finire i campionati. E poi serve una riforma..."

L'ex presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, ha parlato sulle frequenze di TMW Radio, analizzando la tematica della ripresa dei campionati: "Se chiudono il campionato non mantenendo gli impegni con la produzione dei diritti tv diventa un danno quasi irreparabile. Devono risolverlo in un modo o nell'altro. I diritti vengono pagati se le partite sono trasmesse e se non pagano è un dramma. La UEFA ha sospeso le coppe ma dice che i campionati vanno finiti, a meno di tragedie irrisolvibili.

UNA RIFORMA NECESSARIA: "Tutti provano a nasconderlo, ma ad essere onesti è arrivato il momento di una riforma. Io tre anni fa dissi che la madre di tutte le battaglie è la riforma dei campionati. Non si può più pensare di avere più di 100 squadre professionistiche in Italia, solo l'Inghilterra ce le ha, ma hanno pure 3 miliardi di diritti tv, noi 1,5. Si ridurranno i professionisti, e poi bisognerà sostenere il movimento dilettantistico. Io parlavo di un numero magico: 18 di A, 18 di B, e due C da 18. Una settantina di squadre. Non abbiamo la capacità di avere più società, non ci sono risorse. E oggi avrei pure il dubbio sulle trentasei di Lega Pro".

SULLA RIPRESA: "Bisogna puntare a finire, anche durante l'estate. Per la ripresa del calcio è imprescindibile finire i campionati, anche arrivando a agosto o settembre. Così mantieni gli introiti della Serie A".

LAZIO, COME VIVE INZAGHI LA QUARANTENA

BRESCIA, LA POSIZIONE DEL CLUB IN UN COMUNICATO

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOMEPAGE