FIFA, la FA blocca il nuovo regolamento sugli agenti. Ma l'Italia...

30.11.2023 23:00 di Niccolò Di Leo Twitter:    vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com
FIFA, la FA blocca il nuovo regolamento sugli agenti. Ma l'Italia...
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La FA ha bloccato il nuovo regolamento della FIFA sugli agenti. A comunicarlo è stata l'EFAA, l'associazione europea degli agenti calcistici, che ha spiegato come anche in Inghilterra, dopo Germania, Olanda, Francia e Spagna, hanno deciso di sospendere il tetto massimo del 3% alle commissione dei procuratori. Il mercato quindi rimane esattamente come è stato finora, libero e regolamentato solamente dalla domanda e dall'offerta tra la società e il procuratore che ne detiene mandato (sia esso da club o dal calciatore).

LA NOTA - Questa la nota ufficiale della European Football Agents Association. "Oggi abbiamo ascoltato l'esito del caso degli agenti di calcio inglesi nel procedimento arbitrale sulla regola K della FA. Siamo lieti di apprendere che il tribunale si è schierato dalla parte degli agenti e ha bloccato l'attuazione della FFAR. Come hanno giustamente affermato i nostri amici inglesi, questi regolamenti erano un tentativo di usare una mazza per rompere una noce, andando oltre e andando oltre, oltre ogni legittima causa. Con il mercato più grande ora libero dalla governance della FFAR, vediamo che 4 dei Big Five sono liberi dal limite imposto dalla FIFA, con solo lo status dell’Italia da determinare in attesa della nuova serie di regole della federazione. Festeggiamo con i nostri amici inglesi e siamo felici di aver assistito in questo caso monumentale. Continueremo a sostenere tutti i paesi nella loro lotta contro la FFAR e per un sistema normativo più giusto, trasparente e uniforme che rappresenti veramente gli agenti in tutto il mondo".

ITALIA La FIGC ha deciso di utilizzare una politica attendista, anche se l'idea era quella di non lasciare un handicap ai club soprattutto in termini di competitività. Quindi è probabile - anche se non certo - che nelle prossime settimane la stessa Federazione decida di non recepire eventualmente il nuovo regolamento FFAR