Lazio, Cucchi: "Milinkovic? La sua permanenza dev'essere una scelta". E sui cori di Zaniolo...

29.05.2022 07:05 di Elena Bravetti Twitter:    vedi letture
Fonte: TMW Radio
Lazio, Cucchi: "Milinkovic? La sua permanenza dev'essere una scelta". E sui cori di Zaniolo...
TUTTOmercatoWEB.com

Intervenuto sulle frequenze di TMW Radio, Riccardo Cucchi ha parlato, tra gli altri temi, della Lazio e del rinnovo di Sarri. Prima di tutto, però, si è espresso sugli spiacevoli episodi che hanno visto protagonista Nicolò Zaniolo nel corso della festa per la vittoria della Conference League. La storica voce di 'Tutto il calcio minuto per minuto' ha spiegato: "L'episodio è avvenuto dopo i festeggiamenti del Milan con lo striscione imprudente mostrato dai rossoneri. I calciatori non sono in grado di trasmettere valori di cultura sportiva, di rispetto nei confronti dell'avversario. Mi sorprende che un calciatore che vince non trovi niente di meglio da fare che prendersela con gli avversari. Posso capire che nelle curve si possa eccedere, ma dai calciatori deve partire un esempio di rispetto, la capacità di esportare valori. Devono essere più responsabili del ruolo che rivestono. Un calciatore non deve mai scendere oltre un certo limite, ed è quello del buon senso, dell'intelligenza. È una tendenza che non mi piace, e che si sta aggravando".

TRA SARRI E MILINKOVIC - "Sono contento del rinnovo di Sarri, che secondo me ha dimostrato già quest'anno di avere idee e strumenti, anche umani, per portar avanti un progetto che faccia crescere la Lazio. Ha bisogno di essere supportato dalla società, spero in una sessione di calciomercato più favorevole. Milinkovic è cresciuto tantissimo, questa stagione l'ha visto maturare in maniera decisiva, credo ci sia anche lo zampino di Sarri. Fino a questo momento si è comportato in maniera esemplare, sempre profilo basso e vicino agli interessi della società. A questo punto, credo sia giusto capire anche cosa voglia fare lui. Sono d'accordo nella volontà di monetizzare, la Lazio ha bisogno di quei soldi per poter programmare il suo futuro. Se decidesse di rimanere, vorrei che questa fosse una sua scelta, non un obbligo".

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 28/05