Winter a Formello: "Sogno di allenare in Italia, sarebbe bello alla Lazio..."

Ospite illustre a Formello: Aron Winter è stato avvistato oggi al centro sportivo di Formello, dove ha incontrato Manzini e ha rilasciato un'intervista.
22.08.2019 07:01 di Laura Castellani Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Winter a Formello: "Sogno di allenare in Italia, sarebbe bello alla Lazio..."

Grande ospite, a Formello: oggi pomeriggio c'è Aaron Winter, nel centro sportivo della Lazio. Presentato da Maurizio Manzini ai microfoni di Lazio Style Channel: "Winter era un giocatore che si può definire solo con un termine: generosità. Era sempre disponibile. Quando un compagno era in affanno lui accorreva sempre a recuperare il pallone e ad aiutarlo”. E via, a dare libero sfogo ai ricordi di Winter, che ha preso subito la parola dopo il team manager laziale: "Sono arrivato alla Lazio nel '92. All'epoca, quando gli stranieri venivano a giocare in Italia, voleva dire che erano giocatori di grande qualità. Non parlavo bene l'italiano all'inizio. Avevo difficoltà a comunicare con i compagni e Maurizio (Manzini n.d.r.) mi ha aiutato molto, sapeva diverse lingue. Non era solo un team manager, ma una persona che ti dava sempre una mano: mi ha aiutato tantissimo. Quando sono andato via nel '99 ci siamo sentiti diverse volte ma non ho mai avuto occasione di rivederlo. Quindi oggi ho chiamato Fernando Orsi per sapere se era possibile andare a Formello e incontrarlo. È la prima volta che sono in questo centro sportivo. Quando giocavo io c'era solo un campetto e lo spogliatoio non era così".

DALL'AJAX ALLA LAZIO - Fame, voglia di mettersi sempre alla prova: una costante nella carriera di Winter: "L'ultimo anno all'Ajax ho vinto tutto, ma non ero soddisfatto. Volevo mettermi alla prova. Il campionato italiano era il migliore al mondo. Volevo far parte di una serie così importante, ero bravo e volevo farmi vedere. Dimostrare che potessi far bene anche qui. All'epoca c'era la regola che una squadra poteva avere solo 3 stranieri, di conseguenza dovevano essere i migliori del loro paese. Io mi divertivo molto con il calcio olandese, molto offensivo. E quando sono arrivato alla Lazio c'era Zeman, che già con il Foggia aveva fatto vedere un calcio molto in attacco. Mi piaceva. All'inizio ho avuto qualche problema con i tifosi. Non parlavo nemmeno più con la stampa. Mi ero detto: lasciamo parlare il campo. E così, dopo qualche tempo sono diventato l'idolo dei tifosi. Abbiamo messo le fondamenta di quella che poi è diventata la Lazio, una grande società. Dopo tanti anni siamo tornati in Europa, è stata una cosa bellissima. Stavo benissimo. Eravamo una grande squadra, compreso allenatore, fisioterapisti, team manager. Quando sono andato all'Inter è perché volevo vincere: io sono una persona ambiziosa e volevo alzare altri trofei. Solo per questo me ne sono andato".

CALCIO CHE CAMBIA - "Il calcio di oggi è cambiato, in tutti i paesi ci sono bravi giocatori. Dipende solo dalle loro scelte. Non tutti possono giocare in Italia, magari le loro qualità non si prestano bene in questo campionato. In Olanda il livello si era abbassato, ora tanti dei nostri talenti vanno in altre squadre. Per esempio, Kluivert alla Roma, anche se magari avrei aspettato ancora un po'. Il merito dell’Ajax è rappresentato dalla filosofia della Società. Bisogna credere nel proprio credo, l'Ajax ha il miglior settore giovanile, loro sanno come far crescere i giovani e portarli in prima squadra. I ragazzi evono sapere di poter giocare con i grandi, in Italia è difficile che questo accada. Ho giocato qui e so che se una squadra ha una filosofia, fra 10,15 anni produrrà calciatori per la prima squadra. Si possono vincere i campionati anche facendo crescere i giovani. Quando i calciatori provenienti dal settore giovanile non giocano, questi si misurano comunque nel weekend in partite parallele di alto livello. Si deve investire su questo". 

SOGNO LAZIO - Proprio a proposito di giovani, Formello è un habitat perfetto secondo Winter: "Il centro sportivo è bellissimo, l'ideale per far crescere giovani talenti. Spendere per il settore giovanile, quando i calciatori si sviluppano, diventa anche un investimento utile per effettuare nuovi cambiamenti. L'Italia è praticamente il mio secondo paese, seguo ancora il calcio. La manovra offensiva della Lazio? Mi piace che ci sia qui un allenatore come Inzaghi che vuole fare gol, che vuole vincere la partita. L'Aron Winter di oggi? Non si possono mai fare paragoni con i giocatori! Mi piacerebbe venire a fare l'allenatore, magari anche qui in Italia. Chissà, magari alla Lazio. Se mi piacerebbe? Come no!". Maurizio Manzini ha poi concluso l'intervento di Winter: "Ha un carattere estremamente gioviale, faceva sempre scherzi a tutti. Nessuno se la prendeva, perché sapeva come farli. Sapeva relazionarsi con gli altri"

LAZIO, TARE SU VAVRO

LAZIO, LE PAROLE DI ZOFF

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 21-08 alle 17.39