Diritti tv e stadi: tra Serie A e Premier League c'è una voragine

17.09.2021 09:30 di Edoardo Zeno Twitter:    vedi letture
Fonte: Edoardo Zeno - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Diritti tv e stadi: tra Serie A e Premier League c'è una voragine

RASSEGNA STAMPA - Più della velocità di gioco, delle strutture all'avanguardia, della condizione fisica dei calciatori, c'è un aspetto in cui la Premier League ha staccato, e anche di molto, la Serie A, quello dei diritti televisivi. Come riporta la consueta rassegna stampa a cura di Radiosei, c'è un dato pubblicato su ReportCalcio 2021 della Figc che rende tutto più chiaro. In 10 anni (dal 2009-2019) gli inglesi hanno avuto 2726,7 milioni di euro di introiti medi annui da diritti tv. La Liga è a 1149,7, la Bundesliga 997,8, mentre la serie A, in rosso, 398. Una vera e propria voragine. In questi anni, in proporzione, la nostra massima serie ha incassato molto meno e speso molto di più.

STADI - Il duello con l'Inghilterra, però, non si ferma qui. Gli impianti sportivi inglesi, rispetto a quelli italiani, sembrano di un altro pianeta. Sugli stadi, ad esempio, i diversi interventi legislativi non hanno portato alla semplificazione burocratica sperata.Bisogna  trovare un punto di equilibrio fra sostenibilità commerciale e sociale dell’impianto. Stadi, riforma dei campionati, sostenibilità, azionariato popolare: la partita tra Serie A e Premier si gioca in campo, nelle varie competizioni europee, ma anche fuori.