LLSV Ritiro, Ep. 4 - Jessica, Parolo e la loro smorfia: "Marco, ho un'idea..."

Sono tante le storie legate alla Lazio. Il ritiro di Auronzo di Cadore è un'ottima occasione per raccontarne alcune: questa serie è dedicata a voi lettori.
17.07.2019 07:10 di Annalisa Cesaretti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Dal nostro inviato ad Auronzo di Cadore: Francesco Mattogno
LLSV Ritiro, Ep. 4 - Jessica, Parolo e la loro smorfia: "Marco, ho un'idea..."

Pensa di essere troppo "grande" per chiedere ai giocatori di scattare una foto insieme. Ecco perché Jessica il ritiro di Auronzo di Cadore preferisce viverlo in tranquillità. Senza il fiatone di chi parte dall'albergo con le scarpe comode per prepararsi a rincorrere per tutto il giorno Inzaghi e i suoi ragazzi per un selfie. Lei, che ha soli 31 anni e non è affatto "troppo grande", ammette una sola eccezione: Marco Parolo. Jessica, però, non ha bisogno delle sneakers, perché ormai il centrocampista della Lazio ha imparato a riconoscerla. Gli basta vederla e già si mette in posa. Che da diverso tempo a questa parte consiste in una "smorfia" particolare. Un'espressione buffa che ormai è sempre la stessa, tanto da essere diventata la loro: "la smorfia di Jessica e Parolo". Ecco come imitarla: con le mani fate pressione sulle guance, buttate fuori l'aria che avete in bocca e poi poi portate le labbra (unite) in avanti, quasi a voler mandare un bacio. Fate attenzione a non avvicinarle troppo al naso: serve a evitare l'effetto Vulvia di Corrado Guzzanti. 

UNA SMORFIA - Jessica e Marco sono dei veri professionisti. È difficile tenere il conto dei loro selfie. Lei li usa per avere un ricordo di tutte le volte in cui, con l'abilità degna di un agente di viaggi, prenota treni e camere d'albergo per seguire la sua Lazio in tutta Europa. Nel corso della stagione passata era presente in quasi tutte le trasferte della squadra. Ed è quasi scontato aggiungere che è abbonata da "boh", talmente tanto tempo che non sa nemmeno quantificarlo. Ma ciò che la contraddistingue è l'approccio. Lei la Lazio la considera parte integrante della sua quotidianità. Parla di - e con - Parolo e compagni come se fossero suoi amici. Ecco perché un giorno ha detto al centrocampista: "Ho visto che tendi sempre a mettere le labbra in questo modo" e gli ha mostrato la famosa smorfia. Da lì l'idea: "A questo punto facciamola per bene questa smorfia e scattiamoci un selfie!". E Parolo, neanche a dirlo, l'ha subito imitata. Così è nato il loro rito. 

"SOLO!" - Ora la sua cerchia di amici si è allargata. E la nostra curiosità ha avuto la meglio: volevamo sapere cosa ne pensasse dei nuovi arrivati in casa Lazio. All'inizio Jessica si è limitata a un: "Sono grandi acquisti, senza dubbio". Poi, però, ha sfoderato il suo bel sorriso: "Sapete, l'altro giorno Vavro mi ha fatta morire dal ridere...". E sembrava ancora una volta che ci stesse per parlare di un suo caro amico. "Durante gli allenamenti gli hanno insegnato a dare indicazioni ai suoi compagni e a urlare 'solo' quando non ha un giocatore vicino. Durante la partita contro l'Auronzo, però, ha continuato a urlare per tutto il tempo 'solo, solo!'. E i tifosi sugli spalti ridevano come matti!" . Avreste dovuto vedere con quale espressione Jessica ci ha raccontato questo aneddoto. Forse avreste saputo riconoscerla: era quella di chi ama la Lazio alla follia. 

LAZIO, LE PAROLE DI CAICEDO

ULTIME DA AURONZO

TORNA ALL'HOMEPAGE

Pubblicato il giorno 16/7/19 alle ore 21:30