PAGELLE Lazio - Salernitana: Zaccagni punge, la squadra si sgonfia. Vecino, errori pesanti!

31.10.2022 07:22 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
PAGELLE Lazio - Salernitana: Zaccagni punge, la squadra si sgonfia. Vecino, errori pesanti!
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

PROVEDEL 5: Candreva la stoppa bene e lo beffa in pallonetto meglio. Fazio scaglia una bomba imprendibile. Sul cross di Bradaric ha qualche colpa in più, non ci arriva e Dia colpisce a porta vuota. Mura Vilhena nel finale, è ormai troppo tardi.

LAZZARI 5: Come i compagni spinge nel primo tempo e mette la retro nella ripresa sotto ogni punto di vista. Bradaric sfonda dalla sua parte per il 3-1 del definitivo ko.

CASALE 5,5: Forse è quello che va meno in affanno del reparto. Aveva salvato con una scivolata disperata su Piatek (era fuorigioco), la Lazio crolla di squadra prima ancora che di reparto.

ROMAGNOLI 5: Sembrava in totale controllo, l’episodio dell’1-1 fa iniziare tutta un’altra partita. Sceglie di accorciare su Bonazzoli, Candreva si infila dietro e colpisce nella sua zona. Finora non aveva sbagliato mezza partita.

MARUSIC 5: Primo tempo di spessore, si sovrappone con costanza, arriva con regolarità fino al fondo, i suoi cross all’indietro avrebbero meritato deviazioni più felici. La ripresa è in calo netto. Viene sorpreso dal lancio di Mazzocchi per Candreva, alle spalle non ha neanche la copertura di Romagnoli. Dia poi sfila e segna il terzo.

Dall’87’ HYSAJ sv

VECINO 5: Immobile è fuori, lui sempre dentro l’area di rigore. Intelligenza super, occupa lo spazio giusto al momento giusto, peccato che siano sbagliate la deviazione da due passi. Troppo pesanti come errori, un paio di sliding door che compromettono tutto.

CATALDI 5: Partita dalle due facce, prevale quella triste visto il risultato. Fino al pareggio della Salernitana era stato praticamente perfetto, ritmi e passaggi senza nemmeno un’ombra. La squadra poi si scolla ed è il primo a pagarne le conseguenze.

LUIS ALBERTO 5,5: Mezzo voto in più solo per l’assist. L’inizio è morbido, quasi cashmere per i ritmi blandi. Poi emerge la qualità, l’intuizione per Zaccagni è un marchio di fabbrica. L’assist fa parte di un paio di giocate di livello assoluto, la prestazione non lo è per niente e la sostituzione è la dimostrazione.

Dal 64’ MILINKOVIC 5: Un’ammonizione dolorosissima che gli farà saltare il derby. Manganiello non vede l’ora, ha il giallo già in mano prima che parta con l’inserimento. Giallo shock.

PEDRO 5: Un passo indietro, anche due, rispetto alle ultime partite. Combina poco e niente, forse si è fatta sentire un po’ di stanchezza nelle gambe.

80’ CANCELLIERI sv

FELIPE ANDERSON 5,5: Uno dei più vivaci, aveva dato il fritto con e senza palla. Recuperi, pressing, una sponda perfetta che Vecino cestina malamente. Manca di cattiveria nel finale, comunque si impegna sia nel lavoro sporco, sia in quello pulito.

ZACCAGNI 6: Il suo lo fa sempre, anche nelle giornate più complicate. Sblocca con il sinistro, il suo momento magico purtroppo smette di coincidere con quello della Lazio. Un gol amaro a causa della rimonta della Salernitana.

ALL. SARRI 5: Tutto insieme la squadra paga ciò che non era successo nelle prime 11 giornate. Una sconfitta inaspettata con la doppia delusione per l’ammonizione di Milinkovic.