Lazio, Petrelli: "Lotta scudetto ancora viva, la Juve non le vincerà tutte"

Le parole dell'ex difensore della Lazio Sergio Petrelli in merito alla lotta scudetto e anche al match di questa sera contro il Torino
30.06.2020 16:30 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Lazio, Petrelli: "Lotta scudetto ancora viva, la Juve non le vincerà tutte"

Sergio Petrelli, ex calciatore della Lazio che con i biancocelesti ha vinto lo scudetto del '74, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio per parlare della ripresa del campionato della squadra di Inzaghi e anche della lotta scudetto.

LOTTA SCUDETTO - "La lotta scudetto è ancora viva, dopo la gara con l’Atalanta avevo detto che la Juve avrebbe vinto e così è stato ma la Lazio si è ripresa. Ha avuto qualche difficoltà contro la Fiorentina e invece è ripartita. La Lazio può solo vincere, la Juventus può anche perdere un colpo o due ma non credo che i bianconeri vinceranno tutte le partite. I biancocelesti devono stargli con il fiato sul collo. Meglio inseguire che essere inseguiti, la Lazio non ha niente da perdere, se la deve giocare".

ATALANTA  E FIORENTINA - "Contro l’Atalanta mi è dispiaciuto vedere che dopo venti minuti alcuni giocatori perdevano tempo invece di approfittare di quel momento e di fare il terzo gol, almeno si doveva resistere per un tempo solo. Strakosha mette in ansia tutti quando ha il pallone tra i piedi, vuole fare giocate troppo difficili. Fisicamente hanno retto bene, e se la Lazio fosse andata negli spogliatoi sul 2-0 sarebbe stato diverso, prendere la rete nel finale ha influito molto. Con l’Atalanta la squadra è partita in quarta, con la Fiorentina invece è stato il contrario e hanno fatto vedere che anche sotto di un gol hanno saputo reagire. Sono state due gare giocate in due modi diversi: la prima un gran primo tempo e un secondo negativo, la seconda con una prima frazione di gioco mediocre e positivo nella ripresa. Il fatto di essere stati fermi non è una giustificazione perché tutti hanno subito lo stop perciò Inzaghi dovrebbe lavorare sulla testa dei giocatori perché non mi sembra che fisicamente stiano male".

TORINO - "Il Torino non mi è sembrato un granché, la Lazio in buone condizioni non dovrebbe aver paura di fare bottino pieno ma deve giocare solamente  pensando alla vittoria".

UFFICIALE - Calciomercato Lazio, Escalante lascia l'Eibar: Gonzalo ora vede biancoceleste

Lazio, operazioni storiche di mercato: Vieri per Simeone e l'acquisto record di Crespo

TORNA ALLA HOMEPAGE