Tifosi Napoli a Mosca, quelli della Lazio no: il paradosso in Europa League

17.11.2021 09:45 di Edoardo Zeno Twitter:    vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Tifosi Napoli a Mosca, quelli della Lazio no: il paradosso in Europa League
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Da oggi a venerdì, fino a esaurimento posti, partirà la vendita dei tagliandi per il settore ospiti di Spartak Mosca - Napoli, match valido per la quinta giornata di Europa League in programma mercoledì 24 novembre ore 16:30. Dunque trasferta autorizzata per i tifosi partenopei ma con una precisazione sanitaria: "L’acquisto del biglietto e l’ingresso allo stadio russo saranno consentiti solo a coloro che sono in possesso di un QR code russo, ottenibile dopo aver effettuato due dosi del vaccino Sputnik V oppure con un certificato di guarigione da meno di sei mesi riconosciuto in Russia". Vista l'emergenza Covid in Russia lo stadio sarà aperto solo al 30% della capienza. Poco più di 24 ore dopo sarà la Lazio a giocare in terra russa, sempre nella capitale ma contro la Lokomotiv. I supporters biancocelesti, al contrario di quelli azzurri, non potranno essere presenti allo stadio in quanto la trasferta è stata vietata. Questo il comunicato della Lazio di qualche giorno fa: "Facendo seguito alle precedenti comunicazioni del 9 settembre scorso, la S.S. Lazio conferma che, a causa della pandemia ancora in corso che limita gli spostamenti tra gli Stati per evitare il diffondersi del contagio, la gara del 25 novembre di Uefa Europa League con il Lokomotiv Mosca, si svolgerà senza pubblico ospite. Si sconsiglia vivamente, pertanto, di non effettuare prenotazioni o organizzare viaggi per la gara in questione".

SITUAZIONE PREOCCUPANTE IN RUSSIA - 36.818 nuovi casi registrati e ben 1240 morti. Questi i numeri delle ultime 24 ore che evidenziano la preoccupante situazione Covid in Russia. Un periodo davvero difficile per Mosca che però sta leggermente migliorando rispetto a qualche giorno fa.  L'incidenza dei contagi registrata la scorsa settimana ha per la prima volta in 2 mesi segnalato un'inversione dell'epidemia e un calo rispetto alla settimana precedente.