Diritti tv, sconto della Lega in cambio di sostegno nel triennio 2021-24

La Serie A è pronta a fare uno sconto ai broadcaster ma solo nel caso in cui questi si impegnino a sostenere il calcio italiano nel triennio 2021-24.
22.03.2020 09:15 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Diritti tv, sconto della Lega in cambio di sostegno nel triennio 2021-24

Scoppiata l’emergenza Coronavirus, il mondo del calcio, come quello di tutti gli altri settori, naviga a vista, in attesa del momento in cui si potranno fare delle previsioni più precise. L’ultimo interrogativo, oltre ai numerosi relativi alla ripresa degli allenamenti e al prosieguo della stagione, è quello che riguarda i diritti tv. Se, infatti, il campionato non dovesse più riprendere, cosa ne sarà dell’ultima parte dei pagamenti per i diritti tv? Sky, Dazn e Img, che li hanno acquistati e li distribuiscono all’esterno, non possono rifiutarsi, devono versare quanto dovuto. La questione però, riporta la rassegna stampa di Radiosei, non può esaurirsi qui. Calcio e tv, funzionali l’uno alle altre, devono venirsi incontro. Ecco allora che i contatti tra le due parti sono già cominciati, con i broadcaster che avrebbero chiesto di avere uno sconto sulla cifra complessiva da versare per questa stagione. L’idea, però, è che questo sconto venga ricompensato con l’impegno, da parte delle televisioni, a sostenere in maniera adeguata il calcio italiano anche nel prossimo triennio, il 2021-2024. In sostanza, la Serie A è pronta a togliersi qualcosa adesso ma solo nel caso in cui questo venisse restituito più avanti. In questo modo i due possono andare avanti insieme e scongiurare, dunque, l’eventuale corsa al ribasso per il nuovo bando di vendita.

E MEDIAPRO? - L’emergenza ha frenato i lavori della commissione diritti tv, incaricata di compilare il nuovo bando. O meglio, il testo è ultimato ma occorre l’approvazione dell’Assemblea per essere rilasciato. Nel caso in cui, però, tra la Serie A e i broadcaster si dovesse creare un asse di questo tipo, che fine farebbe Mediapro? Con l’agenzia spagnola, rientrata per non lasciare campo libero alle televisioni, serviva un accordo, che però non è mai arrivato. L’ultimo tentativo doveva essere una controproposta della Lega, con le richieste dei club ma il dubbio, a questo punto, è se possa davvero avvenire.

Lazio, Ripert aspetta ordini. Ma la squadra vuole tornare in campo

Correa: "La Lazio è incredibile, sogno l'Argentina. Il mio idolo? Veron!"

TORNA ALLA HOMEPAGE