Calciomercato Lazio, Muriqi vede il traguardo: la situazione

13.08.2020 06:55 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
Calciomercato Lazio, Muriqi vede il traguardo: la situazione

Una trattativa lunga, intensa, tenuta nascosta fino a qualche giorno fa, esplosa improvvisamente nella serata di ieri, quando Lazio e Fenerbahce sono rimasti in contatto fino a notte fonda per trovare un accordo. Base d’intesa tra club trovata: Ali Koç, patron dei gialloblu di Istanbul, ha detto sì a un’offerta da 18 milioni di euro complessivi. Lotito verserà nelle casse del Fener 16 milioni in parte fissa, a cui bisognerà aggiungere altri due milioni di bonus. Manna per le casse turche che hanno immediato bisogno di respiro. La trattativa è andata avanti, la Lazio era forte anche dell’accordo con Muriqi che firmerà un contratto di cinque anni a 2 milioni di euro a stagione (bonus compresi). Decisiva, dunque, la volontà del giocatore che da giorni spingeva i suoi attuali dirigenti ad abbassare le pretese e ad aprire a un trasferimento a Roma.

DETTAGLI - Le distanze si sono assottigliate col passare dei giorni, il Fenerbahce era partito da una richiesta di 25 milioni, la Lazio aveva messo inizialmente sul piatto 15 milioni. La differenza era importante, è stata fondamentale l’opera diplomatica di intermediari e dell’agente del bomber kosovaro. Restano da sistemare gli ultimi dettagli, questioni che riguardano fiscalità e modalità di pagamento. Il Fenerbahce vuole i soldi in due soluzioni, la Lazio s’è detta disponibile a pagare in tre rate. Da Formello si predica cautela, trattare con i club turchi non è semplice, ma le sensazioni non possono che essere positive. C’è fiducia, la trattativa è vicina alla chiusura, la svolta può arrivare da un momento all’altro. Poi sarà tempo di firme e annunci. Muriqi freme, non vede l’ora di iniziare la sua nuova avventura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato il 12-08 alle 13.15