Calciomercato Lazio, Romulo e Ricca sfidano due giovani: il punto sugli esterni

La Lazio monitora l'evoluzione del recupero di Lulic, ma intanto si guarda intorno. Occhio al possibile ritorno di Romulo e a due piste under...
03.01.2021 07:05 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Calciomercato Lazio, Romulo e Ricca sfidano due giovani: il punto sugli esterni

Lulic o non Lulic. Questo è il problema. Tutto ruota intorno al capitano, al suo recupero. Senad sta provando a rimettersi a disposizione, il calvario dura da undici mesi, ha subito tre operazioni alla caviglia, l’ultima a inizio dicembre. S’era rivisto sul campo a novembre, s’era bloccato dopo qualche allenamento. Ora il nuovo tentativo, il percorso di ricondizionamento atletico è solo all’inizio, Lulic si muove ancora tra palestra e lavoro differenziato (ieri s’è allenato in scarpe da ginnastica insieme al preparatore Fonte). L’evoluzione delle condizioni del bosniaco sono monitorate di giorno in giorno, l’intenzione della Lazio è quella di aspettare ancora un po’, almeno una decina di giorni per capire quali saranno le risposte della caviglia operata. Ma è difficile pensare che - pur andando tutto bene - Lulic possa essere pronto per giocare una partita prima di un mese. C’è molta cautela, il borsino non è in segno più, si preferisce vivere alla giornata, aspettando riscontri concreti dal fisico di Senad. La speranza è quella di riavere Lulic presto a disposizione, di poterlo avere in campionato e in Champions, ma la certezza non c’è. 

ROMULO E RICCA - Normale quindi che la Lazio cominci a guardarsi intorno, che stia riflettendo sul da farsi. Se Lulic dovesse cominciare a dare segnali positivi, ma solo sul lungo termine, potrebbe essere inserito nella lista Champions e lasciare spazio in campionato a un nuovo innesto (come fatto con Radu a inizio stagione). Un modo per dare all’eroe del 26 maggio la chance di sempre di giocare almeno una volta in quella competizione tanto agognata e bramata. Se invece le risposte non dovessero essere quelle sperate, allora si dovrebbe procedere all’esclusione del capitano da entrambe le liste. In entrambi i casi sarebbe necessario un intervento sul mercato. I nomi in ballo sono principalmente quattro. Al momento. Il primo è quello di Romulo. È svincolato, è fermo da sei mesi, ma è un nome indicato da Inzaghi, come Hoedt conosce il gruppo e il sistema di gioco, non avrebbe alcun bisogno di ambientarsi, sarebbe un usato sicuro sul quale contare da subito. Romulo spinge per tornare, ci sarebbero stati alcuni contatti con l’agente, sarebbe un’operazione veloce e low cost, potrebbe accontentarsi di un contratto di sei mesi, magari con la promessa di rinnovo in caso di rendimento soddisfacente. È una pista che può diventare calda nel giro di 7-10 giorni, anche se per ora la società frena, da Formello non arrivano conferme dirette. Al tecnico piace anche Federico Ricca, può giocare da esterno e da centrale, occuperebbe due ruoli, è un jolly, il Bruges ha aperto alla cessione, viene valutato 5 milioni. La Lazio avrebbe avuto contatti con alcuni intermediari, chissà che l'operazione non possa decollare. 

BRADARIC - Più complicato arrivare a Domagoj Bradaric. Il croato è profilo che stuzzica molto, è un classe ’99, è un under, non occuperebbe posti in lista, non è un dettaglio. Bradaric piace molto al ds, ma ci sono alcuni ostacoli. Il Lille è in crisi economica, ha bisogno di vendere, Bradaric non è un titolatissimo per il tecnico Galtier, ma nonostante questo la valutazione resta alta, intorno ai 15 milioni. La Lazio non può fare un’operazione del genere, c’è da tenere conto dell’indice di liquidità, si potrebbe fare solo in prestito con diritto di riscatto, a meno che non arrivino cessioni a titolo definitivo e che portino nelle casse cifre simili. Difficile. Non ci sono stati contatti diretti con il Lille, ma dalla Francia fanno sapere che la formula del prestito con diritto non è molto gradita al club transalpino. Sarebbero necessari tempo, pazienza, diplomazia per arrivare alla quadratura del cerchio. La strada appare in salita, ma nel mercato mai dire mai.

KAMENOVIC - Occhio a Dimitrije Kamenovic, è un 2000, esterno sinistro potente, fisico (è alto un metro e 88) e di buone qualità tecniche. È gestito da Mateja Kezman, agente di Marusic e Milinkovic-Savic, la Lazio può avere una corsia preferenziale. Gioca nel Cukaricki, ha siglato un gol e servito due assist in questo avvio di stagione, è considerato uno dei prospetti più interessanti del calcio serbo. La Lazio - secondo alcune voci - lo sta trattando, si parla di un acquisto a titolo definitivo, con la possibilità di lasciare il giocatore in prestito al Cukaricki altri sei mesi. Un’operazione simile a quella che era stata progettata con Pavlovic e poi naufragata. Se si decidesse di affondare il colpo, non è comunque escluso che il ragazzo possa arrivare a Roma insieme a Romulo (è un under) e avere così il tempo di ambientarsi e crescere con la copertura di un giocatore più esperto. Si vedrà, un quadro più chiaro si avrà nei prossimi giorni. La Lazio aspetta Lulic e intanto riflette sul da farsi…

Pubblicato il 2/01 alle 20

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.