L'ex Celtic Donati: "Lazio favorita del girone, non a Glasgow. Sul derby..."

L'ex centrocampista del Celtic Massimo Donati è intervenuto in esclusiva a Lalaziosiamonoi.it per un commento sul sorteggio di Europa League
31.08.2019 07:35 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Alessandro Vittori - Lalaziosiamonoi.it
L'ex Celtic Donati: "Lazio favorita del girone, non a Glasgow. Sul derby..."

Lazio, Celtic, Rennes e Cluj, questo è il girone E di Europa League estratto dall'urna del Grimaldi Forum di Montecarlo. Per scoprire meglio i prossimi avversari dei biancocelesti in campo continentale la redazione de Lalaziosiamonoi.it ha contattato in esclusiva Massimo Donati, che con la maglia del Celtic ha giocato per due stagioni. La sua analisi parte dall'atmosfera che incontrerà a Glasgow la squadra di Inzaghi: "Il Celtic Park è uno stadio fantastico, c'è un'atmosfera incredibile e tutti i giocatori delle squadre straniere che vengono a giocare in Scozia rimangono impressionati dal clima che si vive. Quindi ci sarà sicuramente un grande ambiente".

Quanto può essere difficile per la Lazio il doppio confronto con il Celtic?

"Io lavoro per il Kilmarnock, quindi nello stesso campionato del Celtic, che affronteremo tra una quindicina di giorni. In Scozia loro sono insieme ai Rangers le squadre da battere, le favorite alla vittoria finale. A livello europeo le cose sono diverse e anche se domina in Scozia, in campo continentale le partite sono più difficili. Sono un buon club, ma la Lazio ne è altrettanto se non di più".

Che modulo adotta il Celtic e quali sono i punti di forza?

"Hanno cambiato qualche giocatore, ne stanno prendendo altri in questi giorni. Giocano 4-2-3-1 per la maggior parte delle volte, hanno una punta davanti e gli esterni d'attacco molto bravi. In difesa sta giocando Biton, che è un centrocampista ma viene adattato dietro. Stanno cercando l'assetto giusto visto che si è a inizio stagione. Comunque è una buona squadra che deve trovare i giusti equilibri".

Lazio favorita?

"A Glasgow non credo. Quando gioca in casa il Celtic c'è un'atmosfera particolare e sono veramente in 12. Di conseguenza in Scozia vedo una partita equilibrata, mentre a Roma credo che sarà un po' diverso".

Quanto al girone sarà un discorso Lazio - Celtic, oppure anche Rennes e Cluj diranno la loro?

"Rennes e Cluj potranno dire la loro perché in Europa le partite sono difficili e tutto può succedere. La Lazio è la favorita del gruppo però non sarà facile per nessuna di queste squadre perché sono tutte buone compagini".

Chi vede favorita nel derby di domenica?

"La Roma ha cambiato tanto perché con un allenatore nuovo cambia lo stile di gioco e la mentalità. Anche loro devono trovare gli equilibri giusti, come si è visto in campionato nel 3-3 al Genoa. Devono registrare la fase difensiva per diventare un'ottima squadra. La Lazio ha mantenuto lo stesso allenatore quindi le certezze di quello che ha fatto. Viene da una bellissima vittoria e all'inizio è un po' più avanti, però in un derby tutto può succedere".

Il colpo del calciomercato della Lazio è la permanenza di Milinkovic?

"Milinkovic è un giocatore straordinario e se rimane alla Lazio è un vero e proprio colpo. Se rimane però deve farlo con la testa giusta, non con il rammarico di non essere andato da un'altra parte. I grandi giocatori con la testa giusta fanno grandissime cose, senza invece non fanno bene. Tutto dipenderà dal giocatore perché le sue qualità sono incredibili. Sembra che ci siano anche le motivazioni per affrontare il campionato con la Lazio".

Inzaghi ha rinnovato con la Lazio, che importanza avrà la sua permanenza?

"Importantissima perché Inzaghi ha dimostrato con i fatti quanto è bravo. Un allenatore che io apprezzo tantissimo al di là dei risultati per come gestisce la rosa, la società, per come parla e poi come fa giocare la squadra. Andare a cambiare un allenatore senza sapere dove andare a finire è un rischio, mentre aver tenuto lui è una garanzia per la Lazio".

LAZIO, IL CALENDARIO NEL GIRONE DI EUROPA LEAGUE

LAZIO, INZAGHI ANALIZZA IL SORTEGGIO DI MONTECARLO

TORNA ALLA HOME PAGE

Pubblicato il 30/08 alle 19:30