PAGELLE Napoli - Lazio: Patric distratto, Felipe dove sei? Reina non salva mai

29.11.2021 07:22 di Carlo Roscito Twitter:    vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
PAGELLE Napoli - Lazio: Patric distratto, Felipe dove sei? Reina non salva mai
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

REINA 4,5: Non ne prende una. Non sono papere, però ogni tanto potrebbe pure salvare un gol fatto, un tiro da fuori ben piazzato, per quanto abili gli stoccatori del Napoli. Zielinski lo fulmina, Mertens la piazza prima all’angolino, poi sotto l’incrocio, quello di Ruiz non sembrava proprio imprendibile.

PATRIC 4,5: Rischia il giallo dopo una manciata di secondi, si fa sorprendere alle spalle nell’azione del 2-0, si innervosisce nel duello con Insigne senza trasformare mai la foga in qualcosa di produttivo. Esce all’intervallo, prima che si corra il rischio del secondo giallo.

Dal 46’ LAZZARI 5,5: Entra forse nervoso per la scelta di Sarri, la partita è già compromessa, prova a spingere ma c’è poco da fare.

LUIZ FELIPE 5: Un paio di anticipi buoni, tutto il resto è da dimenticare. Stende Fabian Ruiz, viene ammonito, commette errori in impostazione, palloni regalati al Napoli che già non ha problemi a riconquistarli da solo. Sbanda.

ACERBI 5: Ci mette una pezza sul tocco di Cataldi, poi Zielinski non perdona. La difesa sbanda senza la protezione dei compagni, troppo tecnici e rapidi gli attaccanti del Napoli. Non può che affondare.

HYSAJ 5: Torna a Napoli e invece di prendersi la rivincita viene travolto dalla catena destra del Napoli. Il primo gol nasce da lì, il terzo idem. Gara anonima a dir poco.

MILINKOVIC 5: Un’ora in cui viene messo in mezzo dai centrocampisti del Napoli, colpa dei reparti scollegati, la somma delle responsabilità individuali. Ci si aspetta di più in serate del genere, da solo non può cambiare la storia di una partita segnata fin dal principio.

Dal 61’ BASIC 5,5: Cerca di contrastare e mettici il fisico, il giro palla partenopeo è talmente veloce che diventa una vittima aggiunta del torello.

CATALDI 5: Prova a pressare, viene risucchiato insieme agli altri dalla ragnatela dei passaggi della squadra di Spalletti. Protagonista suo malgrado in occasione del vantaggio avversario: il tocco sul cross mette in apprensione la linea difensiva e nasce il rimpallo che indirizza il match.

Dal 75’ LEIVA 5,5: Tutto compromesso quando viene chiamato in causa, la situazione non migliora.

LUIS ALBERTO 5: Offuscato dal lavoro sporco a cui è costretto, che stasera neanche gli riesce. Ospina devia in corner il suo destro al volo, è l’unica cosa bella di tutta la partita della Lazio. Poche idee, poca efficacia.

FELIPE ANDERSON 4,5: Non salta mai Mario Rui, ben 6 duelli persi, la cattiveria non è mai stata il suo forte, ma stasera è davvero impalpabile. Costringe Sarri al cambio, senza il vero “Felipetto” diventa tutto più complicato. Con il Napoli serviva un’altra verve.

Dal 55’ ZACCAGNI 5,5: Ormai i giochi sono fatti, ci mette quantomeno la determinazione. Prende un giallo per un fallaccio di frustrazione.

IMMOBILE 5: Si danna l’anima, gli capita mezzo pallone buono in novanta minuti. In una nottaccia del genere anche uno come Ciro non può fare nulla per cambiare le sorti della gara. 

PEDRO 5,5: Nel primo è quello che ci prova di più, poi alla fine anche lui non combina niente di niente. L’impegno ce lo mette, qualche lampo di qualità, però non incide mai nemmeno lui.

Dal 75’ MORO 5,5: Un quarto d’ora inesistente.

ALL. SARRI 4,5: La squadra non è mai in partita, sprofonda di fronte al valore superiore del Napoli, è un ko netto sotto tutti i punti di vista. Netto passo indietro, non solo per la sconfitta.

Pubblicato il 28/11 alle ore 22:42