Calciomercato Lazio, una difesa da rifondare: ecco i nomi in orbita biancoceleste

La Lazio deve pensare a una vera e propria rifondazione del reparto: Radu e Patric sono in scadenza, Luiz Felipe verso il rinnovo. E in entrata...
14.11.2021 07:20 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Calciomercato Lazio, una difesa da rifondare: ecco i nomi in orbita biancoceleste

Un difensore per completare il reparto e dare a Sarri la possibilità di scegliere. Senza i titolari sono dolori, lo ha dimostrato Verona, dove la retroguardia della Lazio ha imbarcato acqua da tutte le parti. Non solo colpa di Radu e Patric, certo, ma la sensazione è che senza Luiz Felipe (soprattutto) e Acerbi si soffra parecchio. Serve un co-titolare, da capire se possa arrivare a gennaio o se ogni discorso verrà rinviato a giugno. Allora scadrà il contratto di Radu ed è quasi impossibile che venga rinnovato. In scadenza anche gli accordi con Patric e Luiz Felipe: lo spagnolo potrebbe lasciare Formello, mentre l’intesa con il brasiliano deve solo essere ratificata. Poi c’è Denis Vavro, praticamente fuori rosa. Si prospetta una rifondazione del reparto e non è escluso che un tassello possa arrivare già in inverno. 

OPZIONI - La Lazio continua a monitorare il profilo di Anel Ahmedhodzic del Malmö: è un 2000, ma ha già buona esperienza anche a livello internazionale, considerando le 16 presenze tra Champions ed Europa League e le 10 con la maglia della Bosnia. Fisico possente (è alto uno e 92), discreto piede destro, il tallone d’Achille sta nella velocità. Non è uno scattista, anche se non lo si può definire lento o macchinoso. Costa circa 6-7 milioni ed è in scadenza nel 2023. In scadenza con il Milan c’è Alessio Romagnoli, cuore laziale, un ritorno a casa lo intriga, ma ci sono da valutare alcuni fattori. Il ragazzo guadagna circa 4 milioni e per rinnovare con i rossoneri ne chiede uno in più. Su di lui c’è la Juventus, concorrente agguerrita e che può garantire un ingaggio superiore rispetto alla Lazio. Raiola lo vorrebbe portare a Torino, completando il puzzle che prevede De Ligt a Londra sponda Chelsea. Il discorso, comunque, è impraticabile per gennaio, il Milan se ne priverebbe solo di fronte a un’offerta da 15 milioni di euro e la Lazio non vuole spendere tanto per un giocatore a scadenza. Resta in piedi anche la candidatura di Daniele Rugani, è stato un pupillo di Sarri ai tempi di Empoli, ora si sta rilanciando sotto la guida di Allegri. Il suo contratto coi bianconeri scade nel 2023, costa circa 8-10 milioni, ma è difficile che la Juve se ne privi a gennaio. 

CENTRALI - Nel mirino di Tare, nell’estate 2020, era finito Sebastian Bornauw, all’epoca giocava nel Colonia, in estate s’è trasferito al Wolfsburg dove però non è titolare fisso. Costa circa 18 milioni, difficile immaginare un investimento del genere a gennaio, è un profilo da tenere in considerazione per l’estate. In Germania gioca anche Marc Oliver Kempf, è in scadenza con lo Stoccarda, era stato seguito anche in passato. Occhio a un altro giocatore in scadenza che conosce bene il campionato italiano: è José Luis Palomino, il contratto con l’Atalanta terminerà a giugno. Difficile che Gasperini se ne privi a gennaio, ma può diventare un'ipotesi per la prossima stagione. Italiano è Gian Marco Ferrari, in estate era stato sondato dalla Lazio, è un mancino, potrebbe prendere il posto di Radu nel roster biancoceleste, è in scadenza 2023, costa poco meno di 10 milioni, ha 29 anni ed è nel pieno della maturazione tecnica. In uscita dal Torino c’è Armando Izzo, ma è adatto a una difesa a tre, difficile immaginarlo ancora in orbita laziale dopo l’addio di Inzaghi. A Tare piace molto Martin Hinteregger, mancino austriaco dell’Eintracht Francoforte, ma i rapporti con il club tedesco sono ai minimi termini dopo la vicenda Kostic. Menzione anche per Dan-Axel Zagadou: è in scadenza a giugno 2022 con il Borussia Dortmund, è tornato da un infortunio al ginocchio, era in orbita di grandi club prima dello stop, chissà che non possa diventare una candidatura da tenere in considerazione se dovesse cercare rilancio e spazio per giocare con continuità. Ha 22 anni, ha potenzialità importanti, l'infortunio lo ha frenato, può essere un'intuizione da provare a realizzare. Ipotesi low cost, magari per gennaio, per rimpolpare il reparto è quella di Luca Ceppitelli: il capitano del Cagliari non ha rinnovato, può essere preso a prezzo molto contenuto. 

TERZINI - Non solo centrali. Però. A gennaio verrà tesserato Dimitrije Kamenovic, è un terzino sinistro, in ritiro non aveva impressionato, deve provare a imporsi, altrimenti rischierà il taglio in estate. Sulle fasce ci sono Lazzari, Marusic e Hysaj, c’è un vuoto che va colmato. In scadenza a giugno ci sono Lykogiannis e Stryger Larsen: entrambi più abituati a fare i quinti che i terzini puri, anche se il danese può muoversi con più disinvoltura del greco nel ruolo. A giugno terminerà pure l’accordo tra Mazraoui e l’Ajax: marocchino, esterno tecnico e di spinta, la Lazio lo aveva monitorato un anno e mezzo fa, su di lui però c’è l’interesse di diverse big europee. Ai biancocelesti è stato spesso accostato Sead Kolasinac, ha giocato solo 270’ con l’Arsenal quest’anno, è pure lui in scadenza a giugno, può essere preso a gennaio senza un esborso clamoroso, viene valutato circa tre milioni, ha passaporto tedesco, non si andrebbe a sovrapporre a Kamenovic in questo senso. Attenzione a Fabrizio Angileri, nell’ultima sessione di mercato, dall’Argentina è stato dato a un passo dalla Lazio. Qualche contatto, in effetti, c’era stato, non però una vera e propria trattativa. È un mancino, ha passaporto italiano, il cartellino ha un prezzo di circa cinque milioni. Tare, due anni fa, era rimasto stregato da Kenny Lala, francese allora in forza allo Strasburgo: oggi il ragazzo, classe ’91, gioca nell’Olympiacos, è il terzino destro titolare del club del Pireo, può muoversi anche a sinistra, costa circa 4 milioni di euro. In passato era stato seguito anche Bartosz Bereszynski, ha 29 anni, conosce perfettamente il campionato italiano, è un giocatore esperto e affidabile, costa 5-6 milioni, può essere un nome da considerare anche a gennaio se la Lazio deciderà di muoversi per un esterno difensivo.