Lazio, Garlaschelli: "La squadra è forte sulla carta, ma poi manca qualcosa"

"L'anno scorso Immobile ha preso tanti pali e sbagliato un sacco di gol, ma adesso è ripartito alla grande", ha detto Garlaschelli a Lazio Style Channel.
16.10.2019 13:20 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Lazio, Garlaschelli: "La squadra è forte sulla carta, ma poi manca qualcosa"

"Ho giocato contro Percassi in un Lazio - Atalanta, e lui in un'intervista disse che ero stato l'attaccante più difficile da marcare". Renzo Garlaschelli, ex centravanti biancoceleste, è intervenuto a Lazio Style Channel per parlare - dopo aver rivelato l'aneddoto con l'attuale presidente dell'Atalanta - della sfida contro i nerazzurri e di Ciro Immobile: "L'assenza di Zapata è un bene per la Lazio, stava facendo benissimo all'Atalanta. I biancocelesti giocano anche in casa e questo è un altro piccolo vantaggio. Però serve stare attenti. I nerazzurri quando vanno sotto non mollano mai e sanno rimontare. Giocano un buon calcio e hanno qualità, sarà una partita difficile. Loro giocano molto sulle fasce grazie al lavoro degli esterni. Ma il segreto è che dispongono di ottimi giocatori e che corrono molto, sono anni che giocano in questo modo e nessuna squadra li ha mai messi in crisi veramente. L'Atalanta non ha paura di nessuno". Poi ha aggiunto: "Alla Lazio manca qualcosa, non so se è la “fame” che ha detto Lotito. Guardando le due formazioni, i biancocelesti sono più forti sulla carta, ma se non si corre non si vince. Ad oggi la squadra di Inzaghi può vincere e perdere con tutti. La Lazio deve giocare come sa, i calciatori li ha e in questo momento sta facendo bene. In Coppa Italia i biancocelesti sono stati bravi, facendo così e senza cadere nei momenti bui potranno giocarsela alla pari".

IMMOBILE: "L'anno scorso Immobile ha preso tanti pali e sbagliato un sacco di gol, ma adesso è ripartito alla grande non si può mettere in discussione. Andando avanti così diventerà il più grande marcatore della storia della Lazio. Sa fare tutto, gli vanno fatti solo i complimenti. Belotti? Ha caratteristiche completamente diverse, Ciro si muove molto di più ma forse è meno forte di testa. Ma a me piace di più di Immobile, poi sceglierà Mancini il titolare anche in base allo stato di forma". Poi su Jony : "Vorrei vedere Jony più avanzato, nel suo ruolo. Dovrebbe giocare da attaccante esterno piuttosto che da terzino, potrebbe essere la sorpresa".

LAZIO, LUIS ALBERTO VERSO EURO 2020

LAZIO, LE PAROLE DI BIAVA

TORNA ALLA HOMEPAGE