Scudetto 1915, Mignogna: "Nei prossimi giorni usciranno tre nuovi comunicati importanti"

Novità importanti sono attese a giorni in merito all'iter per l'assegnazione dello scudetto del 1915: le parole di Mignogna
09.07.2020 16:08 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Jessica Reatini
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Scudetto 1915, Mignogna: "Nei prossimi giorni usciranno tre nuovi comunicati importanti"

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE

L'avvocato Gian Luca Mignogna è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo per fare il punto sulla situazione legata allo scudetto del 1915: "La squadra va sostenuta fino in fondo, ma anche stimolata ad acquisire un pizzico di mentalità in più, a Lecce i tre punti erano comunque alla portata. La Lazio ha disputato una stagione straordinaria, ma per provare a ottenere fino in fondo il massimo obiettivo, senza nulla togliere a quanto fatto finora, bisognerebbe avere un pizzico di cattiveria in più per evitare una sorta di appagamento. Certo, anche l’emergenza e le assenze hanno avuto un forte peso”.
 

SCUDETTO 1915  - “L’iter per la rivendicazione dello Scudetto 1915, come ogni attività In italia, ha subito un rallentamento a causa del Covid-19. Tra marzo e giugno si è fatto poco, in quei mesi molti media anche internazionali si stavano interessando a questa vicenda e questo stop non ci voleva. Siamo però già ripartiti: il Guerin Sportivo ha messo in discussione l’attribuzione d’ufficio dello Scudetto al Genoa, è la prima volta che un organo di stampa così autorevole analizza la situazione in questi termini. La delibera dell’assegnazione di quello Scudetto non esiste, c’è poco da fare.”
 

“Inter e Torino non potranno mai rivendicare lo Scudetto del 1915, presentarono all’epoca ricorsi contro l’assegnazione del titolo settentrionale. Quei ricorsi, effettuati nel 1919, sono da considerarsi respinti e non se ne possono presentare di nuovi. Il Napoli, invece, non è il prosecutore naturale delle squadre dell’epoca, non ha lo stesso numero di matricola, in più le semifinali meridionali tra le due squadre partenopee furono annullate per irregolarità nei tesseramenti. Tra l’altro la gara di ritorno fu disputata a sospensione bellica già adottata, non poteva avere valore per designare il campione meridionale. Quel titolo in sostanza è rimasto vacante. La Lazio dunque di diritto quell’anno fu campione del centro-sud. “Il Mattino” del 25 Maggio 1915 riportò nel tabellino che quella partita fu addirittura arbitrata da un tesserato del Naples. Qualcuno ha provato a dire che la sospensione bellica del 23 Maggio 1915 fosse valida solo per il campionato settentrionale. Anche questo è falso: se per il centro-sud il provvedimento di sospensione non fosse stato valido si sarebbe continuato a giocare e la Lazio avrebbe incontrato la vincente del girone meridionale. Solo Lazio ha diritto di rivendicare quel titolo.”

“Nei prossimi giorni usciranno tre nuovi comunicati con i quali metteremo a punto gli ultimi tasselli che proveranno come e perché qualcuno ha dolosamente o inavvertitamente equivocato l’assegnazione di quel campionato trasformandolo da settentrionale a italiano. Quando pubblicheremo questi documenti anche gli ultimi oppositori saranno costretti ad alzare bandiera bianca.”

Winter: "Sono convinto che la Juventus vincerà lo scudetto. Sulla Lazio..."

Calciomercato Lazio, Vavro e non solo: l'IF Management arriva a Formello

TORNA ALLA HOMEPAGE