Coronavirus, cancellata la stagione di basket. Petrucci: "Scudetto? Non va assegnato"

08.04.2020 10:45 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Coronavirus, cancellata la stagione di basket. Petrucci: "Scudetto? Non va assegnato"

Mentre la Serie A di calcio discute su quando riprendere allenamenti e impegni ufficiali, c'è chi ha già dichiarato chiusa la stagione sportiva. Ai campionati di rugby, ufficialmente annullati il 27 marzo scorso, si sono aggiunti anche quelli di basket. Ieri la FIP (Federazione Italiana Pallacanestro) ha cancellato la stagione 2019/20 di Serie A e Serie A2. Ecco un estratto del comunicato: "Il Presidente della Federazione Italiana Pallacanestro Giovanni Petrucci, considerata la determinazione della LBA di demandare ogni e qualsivoglia decisione in merito alla chiusura anticipata della stagione 2019/2020 e sentito per le vie brevi il Consiglio Federale, dichiara concluso il Campionato di Serie A (e Serie A2, in un altro comunicato, ndr). Tale decisione è stata presa a seguito della perdurante emergenza epidemiologica da COVID-19 su tutto il territorio nazionale. La FIP è determinata a tutelare la salute di atleti, tecnici, arbitri, dirigenti, di tutti coloro che partecipano all’organizzazione delle gare dei campionati e delle loro famiglie. Considerato che dai DPCM e dalle Ordinanze emesse, fino a questo momento, dal Governo e dalle Regioni non emergono date certe circa la possibilità di ripresa dell’attività sportiva in condizioni di totale sicurezza, non si può pensare che si svolgano gare di basket sul territorio nazionale, ed in particolare nelle zone geografiche più colpite dall’epidemia".

In questo modo le società di basket - che hanno ben altre disponibilità rispetto ai club di calcio - risparmieranno cifre importanti, liquidità che potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte di diverse squadre. Ma lo scudetto? Il presidente della FIP, Giovanni Petrucci, ha chiarito il dubbio a Sky Sport: "Lo scudetto per questa stagione non andrebbe assegnato". Nulla di definitivo, ma questa è l'ipotesi più probabile.

Amarildo: "Spiace per la mia Lazio, ma era giusto che il calcio si fermasse"

Calciomercato Lazio, ostacoli e concorrenza: per ora Romagnoli non decolla

TORNA ALLA HOMEPAGE