Coronavirus, Stankovic: "Stare lontani è un sacrificio che dobbiamo fare. Mi sento con Mihajlovic"

30.03.2020 10:40 di Federico Marchetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Federico Gaetano
Coronavirus, Stankovic: "Stare lontani è un sacrificio che dobbiamo fare. Mi sento con Mihajlovic"

Il distanziamento sociale per combattere il coronavirus sta colpendo tutti, inclusi gli appartenenti al mondo del calcio. Come riporta l'odierna rassegna stampa a cura di Radiosei, anche l'ex giocatore della Lazio Dejan Stankovic ha visto la sua famiglia dividersi a causa dell'isolamento: lui è a Belgrado con i figli Aleksandar e Stefan, la moglie Ana invece è a Milano con l'altro figlio Filip. "Siamo lontani, ma è un sacrificio che dobbiamo fare: l'importante è che stiamo tutti bene" , queste le parole di Stankovic. Ognuno deve fare la sua parte in questi tempi difficili second il serbo che, per quanto lo riguarda, ha donato agli ospedali del suo Paese dei respiratori per la terapia intensiva. Stankovic è anche in contatto con Sinisa Mihajlovic: "È in isolamento con la famiglia, ovviamente è consapevole della situazione". Da allenatore della Stella Rossa di Belgrado, Stankovic sottolinea come ora si debba pensare prima alla salute e poi al calcio, lanciando un appello verso il nostro Paese: "L'Italia è la mia seconda casa, mi sento parte di voi. Dobbiamo amare la vita, perciò tutti a casa ad abbracciare i propri cari".