Sassuolo - Lazio, Inzaghi e De Zerbi: destini incrociati

La sfida tra Sassuolo e Lazio vedrà l'uno contro l'altro Roberto De Zerbi e Simone Inzaghi i cui destini solo legati a doppio filo...
22.11.2019 08:00 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Daniele Rocca - Il Tempo
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Sassuolo - Lazio, Inzaghi e De Zerbi: destini incrociati

RASSEGNA STAMPA -  Il futuro è già oggi. La sfida tra Lazio e Sassuolo è anche quella tra due allenatori in rampa di lancio: da una parte Inzaghi, che con i biancocelesti ha già vinto due trofei (Coppa Italia e Supercoppa), dall’altra De Zerbi, considerato uno dei tecnici più promettenti. Il passato li accomuna, una vita da attaccanti, poi la gavetta per prendersi una panchina di Serie A. Simone l’ha fatta nel settore giovanile, tra Allievi e Primavera, Roberto nelle serie minori, Lega Pro e cadetteria. Domenica sarà il sesto confronto tra i due: la bilancia pende decisamente dalla parte del laziale, che non ha mai perso contro l’ex Benevento (tre vittorie e due pareggi). Servirà il miglior Sassuolo per battere questa Lazio, De Zerbi lo sa. E pochi giorni fa non ha lesinato elogi all’indirizzo del collega: “Inzaghi ha fatto benissimo, ha grandi meriti anche perché a Roma convive con tante pressioni. La mia squadra non dovrà avere paura, anche se la Lazio può far male sia ripartendo che schiacciando l’avversario nella sua metà campo”. E pensare che per diverso tempo il destino di entrambi è stato legato a filo doppio: con Inzaghi accostato a Juventus prima e Milan poi, dalle parti di Formello era circolata la candidatura proprio del tecnico bresciano. Che nel giro di qualche settimana sarebbe entrato anche in orbita giallorossa. La Roma aveva sondato la sua disponibilità prima di puntare tutto su Paulo Fonseca. Un derby rimasto solo potenziale.

IL FUTURO - Corsi e ricorsi che potrebbero tornare di moda la prossima estate. Nella giornata di ieri infatti sono circolate voci riguardanti il futuro di Inzaghi. A quanto pare De Laurentiis avrebbe scelto l'allenatore della Lazio in caso di separazione da Carlo Ancelotti. Un'ipotesi che potrebbe prendere quota al termine della stagione: i contatti ci sono già stati, ma bisogna tornare indietro di due anni, prima ancora che il presidente del Napoli scegliesse di ingaggiare l'ex tecnico di Juventus e Milan. Il patron è un estimatore della prima ora del lavoro portato avanti da Simoncino, basato sui risultati e sul rapporto con i propri giocatori. A cascata quindi De Zerbi rischierebbe di tornare vicino ai colori biancocelesti. Teorie precoci e che al momento non trovano riscontri, ognuno rimane sulla propria panchina. Almeno per ora. 

PRIMAVERA - MENICHINI PUNTA SU DJAVAN ANDERSON

PRIMAVERA - IN ARRIVO TRANSFER PER RAUL MORO

CLICCA QUI PER TORNARE IN HOMEPAGE