Stadi, Ferrero: "Dai mille tifosi inizia il Risorgimento del calcio italiano"

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, commenta positivamente la parziale riapertura degli stadi ai tifosi decisa in questi giorni...
20.09.2020 12:15 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Stadi, Ferrero: "Dai mille tifosi inizia il Risorgimento del calcio italiano"

RASSEGNA STAMPA - I tifosi ritornano negli stadi. Da oggi mille tifosi possono assistere alle manifestazioni sportive all'aperto rispettando le regole del distanziamento sociale (mascherina, igiene delle mani e distanza interpersonale di almeno un metro. Una notizia applaudita da tutti i presidenti a cominciare da Massimo Ferrero. Il patron della Sampdoria ha parlato a Il Secolo XIX vedendo da questa scelta la ripartenza vera del calcio italiano: "Sono mesi che si lavora chiedendo rispetto per il calcio che lo merita come tutte le imprese italiane, l'ho detto subito, ridiamolo ai tifosi nel rispetto della situazione con la quale dobbiamo convivere. Oggi, uniti, abbiamo dato una bella spinta al governo. E' un primo passo, nella fiducia che si possa tornare piano piano alla normalità in sicurezza. Sarebbe un premio per gli stessi italiani che stanno gestendo meglio di altri la situazione. Ai primi di ottobre, in base all'andamento dei contagi, si potrà decidere per aperture al 20, 30% delle capienze. La Lega Serie A rappresenta un tessuto sociale di 40 milioni di persone che, rispettando le regole, chiedono rispetto e di poter rientrare allo stadio per vedere le partite. E allora diciamo che con i Mille di Garibaldi, partiti da Genova, c'è stata la svolta storica per l'Italia unita: con i 1.000 negli stadi inizia il nuovo risorgimento del calcio italiano".

Lazio, Nazzaro: "Apertura stadi? Non la considero una priorità, ma anche ai giocatori mancano i tifosi"

Serie A, riaprono gli stadi ma solo su invito: la situazione

TORNA ALLA HOMEPAGE