Torino, nuovi tamponi in programma e sfide in bilico. L'Asl: "Prudenza e massima allerta"

Il giorno da cerchio rosso in casa Torino è quello di domani, quando arriveranno gli esiti dei test a cui si sottoporrà il gruppo questo pomeriggio.
27.02.2021 10:00 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Torino, nuovi tamponi in programma e sfide in bilico. L'Asl: "Prudenza e massima allerta"

Il giorno della verità in casa Torino è quello di domani. Nel corso della mattina, la Asl di competenza sarà in grado di dare nuove informazioni sull'evoluzione del contagio. E, in base a queste, riferirà le disposizioni a cui i soggetti coinvolti dovranno attenersi. Misure che verranno recepite sia dalla squadra che dalla Serie A. Si parla di domani mattina come giorno da cerchio rosso sul calendario poiché, riporta la rassegna stampa di Radiosei, nel tardo pomeriggio di oggi è in programma una nuova tornata di tamponi per tutti: giocatori, allenatore, staff tecnico e medico. Ed entro domani mattina, appunto, si avrà l'esito e l'aggiornamento della situazione. Gli scenari che si apriranno sono due: o la proroga delle misure attualmente in vigore, nel caso in cui il numero di nuovi positivi sia tale da far pensare che il contagio non si sia arrestato; o la riapertura del Filadelfia per gli allenamenti. 

PARERE MEDICO - Intanto, l'idea dell'Asl è chiara: "prudenza e allerta massima per tutelare la salute pubblica". Lo stesso Roberto Testi, direttore del Dipartimento di prevenzione, ha spiegato la situazione: "Prima che i calciatori riprendano ad allenarsi o a giocare, e prima che si sciolga l’isolamento, dobbiamo avere almeno due giri di tamponi negativi per tutti. Il giudizio sulla ripresa dell’attività potrò darlo solo sulla contezza degli esami. Oggi non esistono le condizioni di sicurezza per permettere al gruppo squadra di tornare a svolgere il proprio mestiere". 

De Rossi va da Mihajlovic: studia il Bologna e consiglia come battere la Lazio?

Bologna - Lazio, Soriano contro Luis Alberto: la sfida della verticalità

TORNA ALLA HOMEPAGE