Lazio, Lotito: "Vi spiego perché è giusto permettere ai giocatori di allenarsi"

08.04.2020 07:22 di Andrea Marchettini   Vedi letture
Lazio, Lotito: "Vi spiego perché è giusto permettere ai giocatori di allenarsi"

Dopo un lungo periodo senza aver mai lasciato alcuna dichiarazione pubblica, Claudio Lotito è tornato a parlare. Lo ha fatto attraverso i microfoni di Lazio Style Radio 89.3, e lo ha fatto alla sua maniera: il presidente della Lazio ha trattato diversi temi, facendo chiarezza anche su alcune vicende che lo hanno visto protagonista in questi giorni. Non prima, però, di aver lanciato il suo messaggio riguardante la difficile situazione legata al Coronavirus: "Ci tengo innanzitutto a sottolineare il fatto che nessuno voglia prendere sotto gamba la salute dei cittadini e dei propri dipendenti. Io ho lanciato l'idea di fare degli esami perché, al di là del tampone, è possibile verificare la presenza di alcuni anticorpi che dimostrano o meno la presenza del virus. Quello che ho sempre sostenuto io è che tutte le attività lavorative, se in deroga con l'autorizzazione dei prefetti, possano essere in condizioni ottimali, senza rischio di contagio. Non capivo perché una persona che fa l'atleta non possa svolgere la propria attività. Non si tratta di una questione ludica, ma di attività lavorativa: parliamo di persone che, se le blocchi per 2-3 mesi, gli crei un trauma perché perdono la condizione. Quindi se ci sono tutte le condizioni ideali, come nel nostro caso a Formello, non c'è alcun rischio di contatto e di contagio".

ATTIVITA' LAVORATIVA, NON LUDICA: "Quindi l'atleta che ha una condizione fisica migliore rispetto agli altri, che ha un controllo medico h24, non capisco perché non debba allenarsi. Non c'è un protocollo scientifico che dice il contrario. Io rispetto a pieno le regole dello Stato, ma non c'è nessun parere medico-scientifico che metta a repentaglio la salute dei giocatori durante la propria attività. E ribadisco il concetto: l'allenamento non è un fatto ludico, ma lavorativo, così come lo è per un operaio andare in fabbrica. Comunque mi auguro che adesso la situazione migliori e mi aspetto che si torni presto ad allenarsi, sempre nel massimo rispetto delle regole. Il centro sportivo della Lazio, che è uno dei più grandi d'Italia, ha il personale idoneo per poter proseguire la propria attività".

CONDIZIONI IDEALI PER ALLENARSI: "Noi abbiamo tutto per poter continuare l'attività: abbiamo le mascherine, i guanti, gli occhiali. Siamo tra i più preparati in questo settore. Tutte queste precauzioni le avevamo già adottate un mese e mezzo fa. Quindi non capisco il motivo per cui non continuare gli allenamenti. Noi rispetteremo tutte le regole, ma non capisco il motivo di tale decisione".

FORMELLO: "Non faccio comparazioni, ma posso dire che abbiamo perfezionato le nostre esigenze. Chi viene a Formello, deve trovarsi nelle condizioni ideali e deve avere l'armonia giusta per svolgere al meglio la propria attività. Siamo una grande famiglia, i giocatori sono seguiti meticolosamente da professionisti, che hanno a cuore la salute dei calciatori stessi. Noi cerchiamo di allenare il corpo, la mente e di nutrire lo spirito. Da noi il singolo deve accrescere il valore del collettivo, siamo una grande squadra e ognuno dà il suo contributo".

Lazio, non solo Giroud: Muriqi in lista, ma la concorrenza non manca...

Calciomercato Lazio, in Turchia insistono con Muriqi: “Il Fenerbahce deve vendere”

Torna alla home page

Pubblicato il 7/04 alle 13.15