Calciomercato Lazio, Bonaventura-Szoboszlai che intreccio! I dettagli

L'ungherese piace anche al Milan che ha deciso di lasciare andare Bonaventura a parametro zero. La Lazio studia le prossime mosse.
19.04.2020 07:05 di Marco Valerio Bava Twitter:    Vedi letture
Fonte: MarcoValerio Bava-Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Calciomercato Lazio, Bonaventura-Szoboszlai che intreccio! I dettagli

L’intreccio è servito. L’asse Milano-Roma può diventare caldo, anche se non direttamente. Già perché, al momento, non si prospettano trattative tra Lazio e Milan, ma i due club potrebbero contendersi un giocatore e un rossonero potrebbe anche prendere la strada per Formello. Ipotesi e certezze, andiamo quindi con ordine. I nomi sono quelli di Dominik Szoboszlai e Giacomo Bonaventura: ruoli simili, mezzali di qualità, caratteristiche non proprio identiche e soprattutto età diverse. Il Jack rossonero spegnerà 31 candeline ad agosto, mentre il gioiellino del Salisburgo ne compirà 20 a ottobre. La certezza, dicevamo, è quella che su entrambi ci sono stati movimenti. Bonaventura è stato offerto a metà febbraio, Raiola lo ha proposto alla Lazio, una volta capito che margini per il rinnovo con il Milan non ce n’erano e che Bonaventura si sarebbe liberato a zero. I discorsi almeno per ora non hanno subìto un’impennata, i contatti non si sono interrotti del tutto, ma non c’è stato nemmeno l’affondo che Raiola sperava. Tanto che su Bonaventura ora si sono fiondate con forza Torino, Atalanta, Verona e Fiorentina. Granata e nerazzurri, al momento, sembrano balzate in pole. Jack era intrigato, eccome, dall’idea di vestirsi di biancoceleste e ha chiesto al suo agente di provarci ancora, anche perché sa della stima di Inzaghi. Il problema è che Lotito e Tare hanno due riserve: le condizioni fisiche del giocatore e le richieste d’ingaggio (2 milioni, più bonus, a stagione per 4 anni). Motivi che frenano un’eventuale trattativa e sembrano spingere altrove il giocatore. 

SZOBOSZLAI - Il Milan quindi lascia andare Bonaventura e pensa a come colmare la casella lasciata libera dal centrocampista marchigiano. L’idea che sta prendendo quota con forza a Casa Milan è quella che porta il nome di Dominik Szoboszlai. Del resto, la linea rossonera è chiara: prendere giovani di talento, con ingaggi contenuti e potenzialmente frutto di grandi plusvalenze. L’ungherese risponde perfettamente all’identikit e qualche settimana fa, Gazidis in persona si era mosso sia con l’entourage del giocatore, sia con il Salisburgo per avviare la trattativa. Una conferma è arrivata anche dalle parole del ct dell'Ungheria. Il club della Red Bull parte da una richiesta di 25 milioni, può scendere intorno ai 20 bonus compresi. E la Lazio? Tare non ha mai abbandonato la pista che conduce al ragazzo. Szoboszlai piace molto e i costi non spaventano. Il problema è l’affollamento in mediana: la Lazio, a oggi, ha cinque centrocampisti (più Anderson) per tre posti, ai quali si aggiungerà anche Escalante completando, di fatto, il reparto. Questo è un dettaglio da non trascurare, perché si sa quanto Tare sia attento alla gestione dello spogliatoio, agli equilibri che regnano tra le mura di Formello e sovraccaricare un reparto, togliendo spazio inevitabilmente a qualcuno, sarebbe un fattore di rischio. Quindi Szoboszlai arriverebbe solo in caso di addio di uno dei centrocampisti in rosa? Sì e no. Ovviamente se uscisse qualcuno, ecco che le porte per un nuovo acquisto si schiuderebbero. Ma la stima del ds per il ragazzo è tale che non è escluso si possa fare un’eccezione. Su questo si sta riflettendo, anche perché la Lazio non ha particolare fretta in questo momento, come abbiamo detto più volte, a oggi si vuole prima capire quali saranno le prospettive sportive ed economiche alla ripresa, poi si comincerà a dare forma al mercato. Ma Szoboszlai resta forte in orbita Lazio e chissà che non possa diventare lui lo sfizio Champions da togliersi a stagione terminata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Pubblicato il 18/04