Chiusura piscine e palestre, Barelli tuona: "Penalizzato l'unico settore che ha speso di tasca propria"

26.10.2020 09:15 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Edoardo Zeno - Lalaziosiamonoi.it
Chiusura piscine e palestre, Barelli tuona: "Penalizzato l'unico settore che ha speso di tasca propria"

Il nuovo Dpcm ha decretato la chiusura di piscine e palestre e non solo. Molti sport di contatto sono stati costretti a fermarsi del tutto oppure, come nel caso del calcio, andranno avanti solo le categorie di professionisti. Molte le misure prese dal Governo: bar e ristoranti aperti fino alle 18, chiusura invece per teatri, cinema e centri scommesse. Paolo Barelli non ci sta. Il presidente della Federnuoto ha fatto sentire la sua voce in un'intervista ai microfoni del Corriere dello Sport in cui spiega tutta la sua disapprovazione: "La chiusura di piscine e palestre è ingiusta. Non potevano restare aperte fino alle 18 come bar e ristoranti? Il Governo sottovaluta la rete dello sport di base. Hanno pensato ai banchi con le rotelle e non alla didattica a distanza e ora penalizzano l'unico settore che ha speso di tasca sua per mettersi in sicurezza".