Serie A, le date della ripresa: tutte le ipotesi per finire il campionato

03.05.2020 07:00 di Valerio De Benedetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Serie A, le date della ripresa: tutte le ipotesi per finire il campionato

Finalmente tutti d'accordo, chi più e chi meno. L'Assemblea di Lega andata in scena nella giornata di ieri, ha rappresentato un punto di svolta per il futuro della Serie A. La linea del Presidente di Lega Dal Pino è stata accettata da tutti e 20 i club della massima serie, compreso chi per settimane si era fermamente opposto a una possibile ripresa del campionato. Il primo maggio è stato quindi un giorno di lavoro intenso per tutti, nel quale si sono ipotizzate anche le possibili date di ripartenza, che verranno discusse con il Ministro dello Sport Spadafora.

LE DATE - Ci sono due ipotesi in piedi. La prima prevede una ripartenza il 13 giugno, quando potrebbe andare in scena la 27esima giornata: con Bologna-Juventus, Atalanta-Lazio e Inter-Sassuolo in evidenza. Le quattro partite da recuperare invece, si giocherebbero il 17 giugno. Di qui in poi si riprenderebbe seguendo il calendario fino al 1 agosto. La finale di Coppa Italia andrebbe in scena invece il 22 luglio. Ma, come anticipato, c'è anche una seconda ipotesi. Iniziare il 20 giugno, recuperare le quattro partite il 24 e terminare sempre il 1 agosto cancellando di fatto la Coppa Italia dal calendario. Queste quindi le due opzioni, ora più concrete rispetto alle scorse settimane, quando le date ipotizzate non trovavano riscontri. 

IL COMITATO SCIENTIFICO - Uno degli ostacoli da superare resta però il Comitato Tecnico Scientifico del Governo. Un incontro dovrebbe andare in scena domenica, sarà l'occasione per tentare di trovare un accordo sul protocollo medico da seguire, senza il quale sarà impossibile la ripresa. Intanto le varie regioni si stanno adoperando per permettere la ripresa degli allenamenti anticipata rispetto alla data del 18 maggio, alle varie squadre. L'Emilia Romagna ha già concesso questa possibilità a Bologna, Parma, Sassuolo e Spal, attraverso un'ordinanza che permette di allenarsi individualmente nei centri sportivi. Verrà seguita anche dalla Campania, che autorizzerà il Napoli a tornare a Castelvolturno. Presto novità dovrebbero arrivare anche per Lazio e Roma, con la Regione Lazio che ha dato segnali di apertura in questo senso. 

Lotti, ex ministro dello sport: "La Toscana segua l'esempio di Lazio, Campania ed Emilia"

Troglio: "Zoff fece di tutto per il mio reintegro, lo striscione dei tifosi il ricordo più bello"

TORNA ALLA HOMEPAGE 

Pubblicato il 2/05