PAGELLE Lazio - Bologna: Luis di potenza, Ciro di giustezza. Hoedt con carattere

25.10.2020 07:25 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito - Lalaziosiamonoi.it
© foto di www.imagephotoagency.it
PAGELLE Lazio - Bologna: Luis di potenza, Ciro di giustezza. Hoedt con carattere

REINA 6.5:  Lo salva il Var, sul gol di Svanberg - poi annullato - si era fatto una bella dormita. Il tiro non era irresistibile, nell’occasione gli manca la spinta sulle gambe. Si fa valere nel gioco coi piedi, la sua specialità. Sul 2-0 si fa trovare pronto e salva la porta con una paratona a mano aperta sulla conclusione di Barrow, non può nulla sul sinistro sporco di De Silvestri. 

PATRIC 6: Inizia la partita con un indolenzimento muscolare, scaccia via i timori del riscaldamento completando il match senza ripercussioni. Partecipa al giro palla (quasi sempre sterile), rischia un po’ troppo in un’uscita che fa nascere i presupposti per una chance rossoblù.

HOEDT 6.5: Bella risposta da centrale della linea a tre, sulla linea della ripresa di martedì scorso, quando era stato chiamato in causa a partita in corso. Legge in anticipo le situazioni pericolose, va al contrasto in modo deciso, una buona prestazione. Una sola distrazione, quando perde il pallone sul pressing di Soriano ed è costretto al giallo.

ACERBI 6.5: Poco movimento davanti, non pensa solo a difendere ma anche a regalare una soluzione aggiuntiva nella metà campo del Bologna. Una così non si limita al compitino, cerca le soluzioni, per questo spesso si ritrova in una zona più offensiva di Fares, il quinto di centrocampo dalla sua parte. Dietro la solita attenzione.

MARUSIC 5.5: Non arriva all’intervallo, Inzaghi se la prende con lui e Leiva e li toglie dal campo al 42’. Non aveva brillato, ma neanche fatto troppo peggio dei compagni nel primo tempo.

Dal 42’ LAZZARI 6: Comincia a riscaldarsi dopo nemmeno un quarto d’ora di gara. Rientra dalla lesione muscolare rimediata in Nazionale, prova a spingere con la sua velocità a destra.

AKPA AKPRO 6.5: In Champions aveva brindato al gol, stasera sembra ancora inebriato dalle bollicine. Non è facile sostituire Milinkovic nel blocco dei titolari, cerca di far valere le proprie caratteristiche, recupera un buon pallone in scivolata, poi a inizio ripresa ha l’occasione d’oro per sbloccarla: Danilo è eccezionale e lo mura in corner.

LEIVA 5.5: Serataccia dopo la seratona di Champions. Soriano gli si francobolla addosso, non riesca mai a farsi trovare libero per poter impostare. Va in sofferenza anche quando il Bologna è in possesso del pallone, non riesce ad arginare. Sempre in leggero ritardo, quello che non gli permette di mettere lo scarpino per interrompere le azioni avversarie.

Dal 42’ ESCALANTE 6: Bentornato dopo l’ottimo ritiro estivo, le prime presenze e i problemi muscolari che hanno condizionato le ultime due settimane di allenamenti. Si piazza in regia al posto di Leiva ed è un segnale di fiducia da parte di Inzaghi. Nel secondo tempo la squadra ha un altro piglio anche grazie a lui.

LUIS ALBERTO 7.5: Schouten non gli lascia respiro, lo segue in ogni zona, mica semplice così essere fonte di ispirazione. Uno però non è Mago a caso: strappa il pallone a Danilo, punta la porta di Skorupski, tunnel a Svanberg e siluro sotto la traversa che stappa la partita. Prende in braccio la Lazio in una gara che dire complicata è poco.

FARES 6.5: Un paio di cross, deve ancora calibrare i suggerimenti in area, avrebbe il piede per essere più preciso. Comunque più propositivo rispetto alla fascia opposta, forse anche per la vicinanza di Luis Alberto, naturalmente molto più coinvolto di Akpa Akpro. Furbo e reattivo nel non accontentarsi del calcio d'angolo e scodellare in mezzo un pallone che sembrava perso. Ciro ha fatto il resto.

CORREA 6: Un fantasma per 45’, zero tiri in porta e non regge il corpo a corpo coi difensori. Cresce dopo l’intervallo e regala ad Akpa Akpro il servizio del possibile 1-0. Poi fa ammonire Tomiyasu e protegge meglio la palla. Gli si chiede comunque un contributo diverso il zona gol.

Dal 63’ MURIQI 6: Entra per fare a sportellate. Sostanza e anche qualche sponda degna di merito. Sul gol di Immobile era andato a saltare di testa, ma era stato contrastato sul più bello. Aspettando la prima gioia con la Lazio, porta a casa un'altra prestazione convincente.

IMMOBILE 7: L'aspetta per tutta la partita l'occasione per buttarla dentro. E quando gli capita non la sbaglia. Ciro fa 128 con la Lazio e stacca Signori al secondo posto all time. Lo fa con un colpo di testa perfetto, bravo a rubare il tempo a Tomiyasu e farsi trovare all'appuntamento con la mini rovesciata di Fares. Dopo quello contro il Borussia, Immobile concede il bis con il Bologna.

ALL. INZAGHI 6.5: Doveva vincere anche in campionato la sua Lazio, obiettivo raggiunto. Minimo sforzo, massimo risultato. Anche se nel finale la sua squadra fa di tutto per complicarsi la vita. Sullo scadere del primo tempo decide di togliere sia Leiva che Marusic, nella ripresa butta dentro Muriqi. Buona gestione degli uomini, anche considerando le tante assenze a centrocampo. E adesso di nuovo la Champions.