Covid, Bologna e Udinese a casi zero. Il dr. Nanni: "Il protocollo funziona, ma..."

Gianni Nanni, medico del Bologna e membro della Commissione medica della Figc, spiega il segreto dei rossoblù ancora a zero casi...
16.11.2020 11:30 di Antoniomaria Pietoso Twitter:    Vedi letture
Fonte: Antoniomaria Pietoso - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Covid, Bologna e Udinese a casi zero. Il dr. Nanni: "Il protocollo funziona, ma..."

RASSEGNA STAMPA - Bologna e Udinese detengono un record: sono le uniche due squadre di Serie A che non hanno avuto calciatori positivi al Covid-19. In casa rossoblù i casi di Fenucci e Mihajlovic sono arrivati in estate, durante le vacanze, e non hanno portato conseguenze. Gianni Nanni, medico degli emiliani e membro della Commissione medica della Figc ha spiegato a Il Resto del Carlino: "Non ci sono segreti, cerchiamo solo di rispettare scrupolosamente le regole del protocollo. E ai miei giocatori dico sempre: sia a Casteldebole che a casa comportatevi come se foste positivi, ovvero cercando di proteggere voi stessi ma innanzitutto gli altri. E adesso aspettiamo il ritorno dei nazionali, che avendo cambiato bolla e avendo viaggiato qualche rischio in più purtroppo lo corrono". Il dottore prosegue spiegando che la società applica scrupolosamente il protocollo e controlla tutto in alberto e nello spogliatoio. Distanziamento, mascherine e igiene delle mani vengono fatti rispettare e se un famigliare di un calciatore presenta qualche sintomo scatta il piano: tampone per il componente, giocatore isolato e che torna ad allenarsi solo dopo la negatività del test. Il medico invita tutti i suoi a fare poca vita sociale e a incontrare pochissime persone fuori dalla solita cerchia. In chiusura Nanni dice la sua anche sulla necessità che tutti i tamponi dei club vengano processati in un unico posto: "In tempi di stesura del primo protocollo, tempi non sospetti dunque, uno dei punti fermi dei medici di A, ma anche di B e C (Nanni è il rappresentante dei medici di A nella commissione medico-scientifica della Figc, ndr), era il laboratorio unico. Oggi penso che sia necessaria un'autorità che certifichi i laboratori in grado di processare i tamponi su tutto il territorio nazionale. Una sorta di marchio di garanzia".

Lazio, settimana di audizioni in Procura Figc per i giocatori

Lazio, Siviglia: "I biancocelesti ritroveranno continuità. Luis Alberto? Ha capito i suoi errori"

CLICCA QUI PER TORNARE IN HOMEPAGE