Fronte comune delle leghe europee: campionati dal 3 maggio

Le Leghe europee hanno trovato un'intesa sulla data di ripartenza dei campionati nazionali: individuato il weekend del 2-3 maggio
19.03.2020 09:49 di Alessandro Vittori Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Fronte comune delle leghe europee: campionati dal 3 maggio

La Uefa vuole che i campionati siano tutti finiti entro il 30 giugno, ma le Leghe e le Federazioni sono pronte a sforare il limite. Come riportato dalla rassegna stampa di Radiosei, oggi si parlerà di calendari nel gruppo di lavoro formato da Eca, European Leagues e Fifpro. In videoconferenza si è raggiunto un accordo tra Serie A, Ligue 1, Liga, Premier League, Bundesliga, Prem'er-Liga russa e Primeira Liga per armonizzare i calendari e non dare vantaggi per le coppe. Il weekend individuato è quello del 2-3 maggio, con una ripartenza che potrebbe essere a porte chiuse. Se poi il resto d'Europa dovesse essere in ritardo rispetto all'Italia, si potrebbe slittare di una settimana con la Serie A che sfrutterebbe lo slot per i recuperi della 25esima giornata.

TRATTATIVA CON LA UEFA - Il sogno della Lega Serie A sarebbe riprendere il 25 aprile, anche se di difficile attuazione. Più plausibile il nuovo start il primo fine settimana di maggio. Per concludere la stagione di campionato e coppe europee servono 20 finestre, 13 giornate (12 più 1 di recuperi) e 7 turni continentali fino alle finali di Champions ed Europa League. L'idea è quella di provare a concludere questo programma entro il 30 giugno, traslando a luglio le coppe nazionali. Le proroghe alle scadenza dei contratti sarebbero limitate e quindi la macchina organizzativa più snella. Un'altra potenziale richiesta al massimo organismo europeo del calcio è quella di cancellare la finestra delle nazionali tra l'1 e il 9 giugno.

SOLUZIONI - Tra le ipotesi per concludere il campionato, svolgere regolarmente le giornate, giocarle soltanto alcune o playoff e palyout, ne spunta anche un'altra più estrema: Serie A e Premier hanno avuto l'idea di concentrare le squadre e tutte le partite in una stessa area. In Inghilterra si è pensato a 3 stadi dell'area di Birmingham, in Italia un'opzione era il Qatar (difficile per gli spostamenti) oppure la Sardegna. Il problema in questo caso sarebbero gli impianti.

SERIE A, LE PAROLE DI GRAVINA SU FINE CAMPIONATO

LAZIO, IMMOBILE SU MESSI E MISTER INZAGHI

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME PAGE