Lazio, duello Tare - Lotito: la lite smentita e la scalata di Fabiani...

06.07.2022 07:45 di Alessandro Zappulla   vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, duello Tare - Lotito: la lite smentita e la scalata di Fabiani...

Una foto che ritrae una discussione fra presidente e direttore sportivo. Immagini che compongono la cornice della presentazione in pompa magna della maglia ufficiale nel cuore di Roma. Scene da matrimonio in crisi, di un rapporto in frantumi o semplicemente un chiarimento fra persone di carattere? Domande, dubbi che per 24 ore hanno fatto il giro del web. Spifferi dai segreti angoli di Formello, che per una serata sono riusciti a distrarre l'attenzione rivolta persino alle maglie. L'aria di crisi nei rapporti fra il numero uno del club e il suo vice riempiono il gossip calcistico del mondo Lazio ormai da tempo. Si odiano o si amano? Una margherita che tra Tare e Lotito ultimamente appare sfiorita. Complici i malumori della piazza, tornati a riecheggiare dagli spalti. Complice un dare e avere nella compravendita di calciatori, che attualmente piange miseria. Al netto infatti di una possibile vendita di Milinkovic e Luis Alberto (attualmente non ci sono offerte allettanti, ndr), gravano pesantemente a discapito del diesse laziale i numerosi flop accumulati negli ultimi anni: da Vavro a Muriqi, passando per Durmisi o Berisha, senza contare uno stuolo di scommesse perse. Milioni spesi e mai rientrati. Soldi investiti che non hanno fruttato quanto sperato. Stipendi che appesantiscono le casse e che ora sono una vera zavorra. Ecco i dettagli che hanno appiccato il fuoco del chiacchiericcio. Rapporti in difficoltà che si sposano con bilanci che annaspano. 

L'INGRESSO DI FABIANI - Claudio Lotito dopo tanti anni di convivenza stretta con Igli Tare ha forse maturato in questi giorni l'idea di sterzare con forza il sistema organizzativo del club. L'ombra di Angelo Fabiani, che in queste settimane si è trasformato in uno spettro per l'attuale management biancoceleste, non ha fatto altro che avallare il dubbio di un ribaltone in atto. Uomo di fiducia del presidente (voluto dal patron anche a Salerno) non ha fatto altro che soffiare sul fuoco dell'incertezza, alimentando la pressione su Igli Tare. Se poi si condisce la storia delle indiscrezioni con una sintonia mai scoccata fra Maurizio Sarri e l'ex attaccante laziale, ecco che il cerchio della possibile rivoluzione a Formello si chiude. Una foto che arde. Una discussione in pubblico che spinge la Lazio a rettificare. Un tentativo mal riuscito che rischia di trasformarsi nella solita storia della "pezza che è peggio del buco".

STRANEZZE - Nel comunicato per screditare il dubbio e negare una palese discussione fra i massimi dirigenti del club, si tira in ballo Fabiani. Perché? La foto ritrae Tare e Lotito non l'ex direttore della Salernitana. Poi come si ricorda nei manuali più rudimentali dei detective in  erba, "due indizi fanno una prova", allora ecco che sul comunicato ufficiale si certifica ciò che ufficiale ancora non è: "l’ingresso in società del direttore Angelo Fabiani sarà volto alla gestione della prima squadra femminile, primavera femminile e primavera maschile". Strano però che nessun contratto sia stato ancora siglato dal potenziale nuovo dirigente. Strano che non sia stato annunciato da nessuno, tantomeno dal presidente. Dubbi e incertezze che fanno scopa con la margherita sfiorita tra Tare e Lotito. Strade e percorsi nuovi che con il background maturato da Fabiani rischiano di accelerare l'uscita di scena del dirigente albanese nonostante le dichiarazioni di facciata. Brucia un fuoco lento a Formello, ma a volte le fiamme non distruggono, anzi. Come disse Shakespeare: "Accendi un sogno e lascialo bruciare in te...". Chissà cosa ne pensa Angelo Fabiani.

Pubblicato il 6/7 ore 01:40

Clicca qui per tornare alla home