Lazio, Parolo è l'uomo della provvidenza: prima da titolare in Champions

Con l'emergenza di nuovo piombata a Formello, Inzaghi potrebbe chiedere aiuto a Parolo come regista o come difensore in vista dell'impegno con il Bruges.
27.10.2020 08:45 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Nicolò Savini
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, Parolo è l'uomo della provvidenza: prima da titolare in Champions

La Lazio chiama e Parolo risponde sempre presente. Da centrale, da regista, e persino da laterale destro, (non con grandissimi risultati), il quasi 36enne si è sempre fatto trovare pronto. É di nuovo tornata l'emergenza ieri a Formello, e con le assenze sicure di Leiva ed Escalante con il Bruges, Parolo potrebbe giocare la prma da titolarein Champions davanti alla difesa contro il Bruges. Tuttavia, l'emergenza regna sovrana anche in difesa, e solo all'ultimo Inzaghi sceglierà il ruolo che il 35enne dovrà interpretare. 

SCELTE – Come riporta la rassegna stampa di Radiosei, con le assenze di Luiz Felipe e Radu, e l'esclusione dalla lista Champions di Vavro, il mister piacentino ha a disposizione solo tre centrali, e dovrà scegliere se arretrare come play basso Akpa Akpro e schierare da centrale all'occorrenza, (lo ha fatto con buoni risultati con l'Inter), Parolo. Proprio dopo il match coi nerazzurri, l'ex Cesena aveva dichiarato: “Mi stavo allenando in difesa, è un ruolo che mi piace e mi riporta alle mie origini. Ho imparato qualche segreto da Acerbi ". Contro il Bruges, alla soglia dei 36anni Parolo potrebbe esordire da centrale. Dall'alto delle sue 245 partite totali con la maglia della Lazio, condite da 36 gol, 17 assist e diversi ruoli, non sarebbe di certo un problema per lui, diventato ormai l'uomo della provvidenza biancoceleste. 

Lazio, fiato sospeso per le assenze a Formello: oggi l'esito dei tamponi

Lazio, pronti i rinnovi per Acerbi e Akpa Akpro: nei prossimi giorni l'incontro con la società

TORNA ALLA HOME PAGE