Lazio, Zavaglia: “Nedved voleva Inzaghi sulla panchina della Juventus"

L'ex procuratore Franco Zavaglia è intervenuto ai microfoni di Radiosei. Ecco il suo retroscena su chi sarebbe dovuto essere l'allenatore della Juventus.
14.06.2019 12:15 di Francesco Mattogno Twitter:    Vedi letture
Lazio, Zavaglia: “Nedved voleva Inzaghi sulla panchina della Juventus"

Per Maurizio Sarri alla Juventus manca solo l'ufficialità, ma Franco Zavaglia, ex procuratore – tra gli altri anche di Francesco Totti – ha svelato un retroscena su quello che sarebbe dovuto essere l'allenatore dei bianconeri: Simone Inzaghi. Ecco la sua rivelazione ai microfoni di Radiosei: “Inizialmente non doveva essere Sarri l'allenatore della Juventus, ma Inzaghi. Nedved ha una grossa influenza su Agnelli e ha spinto per portare il tecnico della Lazio a Torino: il vero colpo come allenatore dei bianconeri sarebbe dovuto essere Simone Inzaghi. Alla fine è stato scelto Sarri, che comunque è cresciuto molto in Inghilterra ed è pronto per la panchina della Juventus”. Infine Zavaglia ha rilasciato qualche giudizio sul mercato della Lazio.

MILINKOVIC: “Rientra sempre tra i preferiti di Paratici, ma bisogna fare i conti con le cifre che chiede il presidente Lotito. L'anno scorso la lazio ha rifiutato una cifra importante, ma dopo la stagione in chiaroscuro del serbo il suo valore si sarà abbassato. Io sono dell'opinione che quando i giocatori vengono richiesti vanno sempre ceduti: se i biancocelesti hanno ricevuto offerte importanti non dovrebbero tirare troppo la corda e lasciare andare Milinkovic, altrimenti potrebbero avere rimpianti in futuro”.

ROBBEN: “È un giocatore già spremuto in campo internazionale, anche se è stato un campione secondo me potrebbe pagare l'ambientamento e l'età avanzata. Nel calcio ci vuole organizzazione e programmazione, prendere uno come lui sarebbe un rischio”.

WESLEY: “Tare seguiva Wesley fin da quando era sconosciuto ai più, è un peccato che la Lazio non sia riuscita a prenderlo. Anche se Caicedo è esploso in questa stagione quindi non ci saranno grandi rimorsi. Il ds biancoceleste fa scouting durante tutto l'anno, non si ferma mai”.

LAZIO, DA LUGANO A WESLEY: LE TELENOVELE DI CALCIOMERCATO

LAZIO, LE ULTIME SUL RINNOVO DI CATALDI

TORNA ALLA HOMEPAGE