Regno Unito, vietati i colpi di testa agli Under 12: preoccupa il rischio demenza

Gli organi di governo di Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord hanno annunciato il divieto, per i bambini Under 12, di colpire il pallone di testa.
25.02.2020 10:00 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Regno Unito, vietati i colpi di testa agli Under 12: preoccupa il rischio demenza

Gli organi di governo di Inghilterra, Irlanda del Nord e Scozia hanno annunciato il divieto, per il Under 12, di colpire il pallone di testa negli allenamenti di calcio. La decisione è arrivata a seguito di uno studio che ha scoperto che ex giocatori professionisti avevano meno probabilità di morire per cause comuni come malattie cardiache e cancro rispetto alla popolazione generale, ma più probabilità di decesso per demenza. Da qui, la riflessione sull’impatto a lungo termine sulla salute delle lesioni alla testa dei più piccoli. Le nuove linee guida prevedono un approccio graduale all’introduzione della pratica negli allenamenti per i bambini dai 12 ai 15 anni. Gli allenamenti che prevedono il ‘colpo di testa’ saranno limitati ad una settimana per i bambini di 16 e 17 anni. Nessun cambiamento, infine, nell’arco della gara, dal momento che è stato riscontrato che, nel corso di una partita, i colpi di testa effettivi sono numericamente limitati.

Lazio, Guerrieri compie 24 anni: gli auguri del club via social - FT

Lazio, la tua forza sta nelle riserve: più uomini per il sogno scudetto

TORNA ALLA HOMEPAGE