Lazio, dal Bologna al Bologna passando per il post-lockdown. E ora Inzaghi vuole la conferma

Al 29 febbraio 2020 risale l'ultima partita della Lazio con il Bologna: si cominciava a materializzare lo spettro del lockdown e dello stop del campionato.
24.10.2020 09:30 di Elena Bravetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Lazio, dal Bologna al Bologna passando per il post-lockdown. E ora Inzaghi vuole la conferma

Al 29 febbraio 2020 risale l'ultima partita della Lazio contro il Bologna in un Olimpico aperto al pubblico. E quella sera il sogno scudetto, negli stessi istanti in cui sembrava aver preso corpo, si stava già sgretolando. Crescevano i contagi, le preoccupazioni, i numeri delle terapie intensive. Si cominciava a materializzare lo spettro del lockdown e dello stop del campionato per combattere il Coronavirus. Oggi, riporta la rassegna stampa di Radiosei, con l'aumento dei casi stanno riemergendo le preoccupazioni, nonostante il calcio stia dimostrando di poter convivere con il virus. E la Lazio, di nuovo in casa col Bologna, è alle prese con alcuni dubbi, come se gli otto mesi non fossero passati. Dopo l'esaltante dedutto nel girone di Champions, Inzaghi ha chiesto al gruppo una conferma. In casa Lazio serve continuità di risultati e di rendimento a una settimana di distanza dal crollo di Marassi. L'atteggiamento sbagliato non è stato ancora digerito da Inzaghi, che di fronte a Mihajlovic spera di rivedere la stessa determinazione messa in campo con il Dortmund. 

DAL BOLOGNA AL BOLOGNA - Dal Bologna al Bologna, passando per il post-lockdown e l'inizio del nuovo campionato. Se fino allo stop imposto dal Governo si erano contate solo due sconfitte in ventisei giornate di campionato, dalla fine di giugno a sabato scorso ne sono arrivate addirittura 8. Una ogni due partite, una media che proietta la squadra di Simone Inzaghi nella parte destra della classifica. Un cammino da decimo posto dal 24 giugno al 2 agosto, tradotto nel quarto complessivo e capace di ottenere una sospiratissima qualificazione in Champions. Non può bastare di certo da qui in avanti. Per restare a certi livelli bisogna correre forte anche il sabato e la domenica. 

Lazio, l'importanza del turnover: serve una mentalità vincente

Lazio, Reina pronto al debutto col Bologna: lo spagnolo arrivato grazie a Inzaghi

TORNA ALLA HOMEPAGE