SFS22 | Rocchi: "Il VAR strumento favoloso. Nel 2017 in un Roma-Lazio..."

28.09.2022 13:07 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Niccolò Di Leo - Lalaziosiamonoi.it
SFS22 | Rocchi: "Il VAR strumento favoloso. Nel 2017 in un Roma-Lazio..."
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

Prosegue il Social Football Summit 2022, evento di due giorni che ha come scopo l'innovazione nel mondo del calcio e che, ieri e oggi, ha visto molti ospiti alternarsi sul palco per esprimere la propria opinione. Tra questi è intervenuto anche l'ex arbitro e attuale responsabile della CAN, Gianluca Rocchi sottolineando l'importanza del VAR e raccontando di un episodio in un derby vissuto come diretto interessato:

"Il Referee è un riferimento, nel bene o nel male. Spesso l'arbitro è indicato come qualcuno che toglie qualcosa, la realtà è che deve fare applicare le regole ed essere un punto di riferimento per le decisioni da prendere. L'arbitro ha come primo obiettivo quello di prendersi cura della partita, del risultato e dei calciatori, affinché il risultato sia corretto, trasparente e nessuno si faccia male. Un arbitro che cresce così lo fa senza tecnologia. L'obiettivo di oggi è quello di non sbagliare. La tecnologia ha cambiato tutto: io ho arbitrato 14 anni senza tecnologia e 3 con. Ho vissuto tutta la mia carriera con un solo obiettivo: non sbagliare nei 90 minuti più recupero. E non potete capire che sollievo quando abbiamo scoperto la tecnologia. Chi dice che gli arbitri non la vogliono non ha capito niente. Il VAR è uno strumento favoloso, il migliore che si potesse offrire agli arbitri. Poi c'è la squadra: gli arbitri sono una squadra di sei persone: quattro in campo e due in sala. Un team complesso e difficile da amalgamare, a volte arbitri con cinque amici, altre con sconosciuti".

COMUNICAZIONE - "Un arbitro deve avere due caratteristiche fondamentali: comunicazione e relazione, senza alcun aiuto esterno. Vi garantisco che quando un arbitro viene chiamato a rivedere un errore sta male dentro.  Abbiamo due tipologie di VAR in Italia, gestite a Lissone, dove trasmettiamo le partite e operano i due operatori VAR e AVAR. Uno passa le immagini, l'altro fa da supporto, poi c'è uno schermo con le immagini reallentate di tre secondi che permette di rivedere l'azione".

ROMA-LAZIO - "Vi racconto un derby Roma-Lazio con un tocco di mano di Manolas: io non ho visto nulla ma ho intuito che c'era qualcosa. Quando Irrati, che era al VAR, mi ha detto che c'era il tocco di mano io non sono stato per niente contento, sono uscito dalla partita arrabbiato con me stesso perché dovevo fare meglio. Poi però tutti mi hanno fatto i complimenti e nessuno ha fatto polemica dandomi anche voti alti, lì ho capito quanto la tecnologia possa aiutare gli arbitri. Chiudo sottolineando ancora una volta: gli arbitri sono più che a favore della tecnologia".