"Vero Capitano d'altri tempi", ecco la biografia di Pino Wilson - FOTO

Pubblicata ieri alle 22.00
07.05.2013 06:42 di Carlo Roscito Twitter:    Vedi letture
Fonte: Carlo Roscito/Marta Pettini (Corso d'Informazione Sportiva) - Lalaziosiamonoi.it
"Vero Capitano d'altri tempi", ecco la biografia di Pino Wilson - FOTO

Tu chiamale se vuoi emozioni. Colorale di bianco e di celeste. Oppure prendi carta e penna e butta giù tutto quello che sai su Pino Wilson. Quello che ha fatto Vincenzo Di Michele, scrittore che ha racchiuso in 173 pagine la storia del Capitano della Lazio del ’74. Quella del primo Scudetto della storia. Quella delle botte e degli spari. Quella di Long John e di Tommaso Maestrelli. Quella che nessuno potrà mai dimenticare. Lalaziosiamonoi.it ha seguito da vicino la presentazione del libro “Pino Wilson, vero Capitano d’altri tempi”, svoltasi presso il “Due Ponti Sporting Club”. E allora ecco che un semplice circolo sportivo può diventare per un pomeriggio il campo d’allenamento di Tor Di Quinto. Ricordi, segreti, aneddoti e grande commozione. Wilson si apre per l’occasione: “Dedico il libro ai miei nipotini, alla mia famiglia, ai tifosi della Lazio, ma soprattutto a tutti i miei ex compagni di squadra. Un ringraziamento speciale – precisa il protagonista della giornata - va anche alla famiglia Maestrelli che ho avuto la fortuna di conoscere. Un saluto al cielo poi a Bob Lovati, Giorgio Chinaglia e Umberto Lenzini, il primo presidente della storia che è riuscito a conquistare qui uno Scudetto”. La parola passa all’autore del libro. Di Michele spiega la scelta del soggetto: “Lo chiamavano ‘Il Padrino’ perché con il suo carisma riusciva sempre ad avere la meglio e a prendere la decisione finale. Aveva qualcosa in più degli altri, era il calciatore simbolo di quella Lazio. La stampa nel corso degli anni – puntualizza lo scrittore - si è occupata di tantissimi grandi giocatori, mi sembrava giusto onorare la storia di questo grande campione”. Presente anche il Presidente della Polisportiva Lazio, Antonio Buccioni: “Con questo libro ripariamo un torto, deve essere fatta giustizia su tante circostanze rimaste oscure. Ricordo le vicende del 1980, i verdetti della giustizia furono una vergogna. Ancor di più quelli della giustizia sportiva. Oggi bisogna rendere merito a uno dei più grandi calciatori della storia della Lazio e della nazionale italiana. Il destino del nostro club è più forte della cattiva sorte e di coloro che la vogliono infangare. La Lazio ha la dote dell’immortalità!”. “Pino ha dato tanto alla Lazio”, esclamano in coro Oddi, Giordano, Sulfaro e Pulici. Toccante infine il commento di Massimo Maestrelli, figlio del maestro Tommaso: “Era il Capitano di mio padre!”. Ricordi, segreti, aneddoti e grande commozione. Prendi carta e penna e butta giù tutto quello che sai su Pino Wilson. Quello che ha fatto Vincenzo Di Michele. Scrivilo con penna celeste su carta bianca. Tu chiamale se vuoi emozioni.