Tokyo 2020, Andrew Howe: "Io sopravvalutato, gli atleti forti sono alle Olimpiadi" - VIDEO

Andrew Howe, detentore del record italiano del salto in lungo, ha pubblicato un pensiero sorprendente sul suo profilo Instagram in merito alle Olimpiadi...
31.07.2021 14:45 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Ludovica Lamboglia - Lalaziosiamonoi.it
Tokyo 2020, Andrew Howe: "Io sopravvalutato, gli atleti forti sono alle Olimpiadi" - VIDEO

Andrew Howe torna sui social con un post da lasciar tutti sorpresi. Il velocista e lunghista italiano, di origine statunitense, lo si può ricordare come il detentore del record italiano del salto in lungo. Oltre a questo, nel suo Palmarès vanta di essere stato campione europeo a Göteborg nel 2006 e a Birmingham nel 2007, nonché vicecampione mondiale a Osaka 2007. A livello giovanile Andrew è stato campione mondiale juniores a Grosseto nel 2004 sia nel salto in lungo che nei 200 metri piani, detenendo tutt'oggi le migliori prestazioni italiane under 16, under 18, under 20 e under 23 del salto in lungo. Nonostante questi traguardi raggiunti, il classe '85 ha espresso sul suo post Instagram tutto il suo sconforto per le Olimpiadi di Tokyo 2020, scrivendo: "Sono qua a casa a guardare le Olimpiadi, e mi sono reso conto che forse nella mia vita è nella carriera da atleta sono stato troppo sopravvalutato. Gli atleti forti - ha continuato Andrew - stanno alle olimpiadi, gli atleti forti partecipano e o prendono le medaglie alle olimpiadi. Io al massimo ho fatto solo due partecipazioni una a 19 anni e un altra che è meglio non parlarne. Dopo tanti sacrifici mi ritrovo a fine carriera con un pugno di mosche in mano (colpa mia)".

IL RESTO DEL MESSAGGIO - Howe ha infine concluso: "Però se questo mio esser stato sopravvalutato abbia portato anche a una persona ad avvicinarsi allo sport io sono contento. Prossimo anno sarà il mio ultimo anno, lo farò da atleta mediocre mi voglio divertire e fare tutte le gare che ho sempre amato per chiudere con un sorriso e salutare questo sport che ho sempre amato. Ps. Unico allenamento dove sono riuscito a gestire il dolore,e un giochino che facciamo in allenamento con una pedana di 10cm quando sto bene, il palo sta a 9mt."

Lazio, 21 anni fa la presentazione di Crespo: l'acquisto biancoceleste più costoso

Tokyo 2020, Italia inarrestabile: altre due medaglie nella mattinata

TORNA ALL'HOME PAGE