Calciomercato Lazio, Kostic non va mollato: il serbo è super e Sarri lo voleva...

08.10.2021 07:28 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Calciomercato Lazio, Kostic non va mollato: il serbo è super e Sarri lo voleva...

È stato il grande obiettivo di mercato della Lazio, sfumato nelle ultime ore e fonte di dissidi e accuse reciproche con l’Eintracht Francoforte. Filip Kostic era il nome indicato da Sarri per completare il reparto d’attacco, l’ala sinistra perfetta per dare forma al 4-3-3 del Comandante. Ma l’Eintracht s’è messo di traverso, ne è nata una faida, con la Lazio e Ramadani ad accusare il club tedesco di aver fornito dati sbagliati per evitare che l’offerta biancoceleste arrivasse a destinazione. È il passato, ma la sensazione che Kostic potesse permettere alla Lazio di fare il salto di qualità resta. Il serbo sta vivendo un inizio di stagione super, dopo essere stato reintegrato in rosa e aver ricucito la frattura con i dirigenti dell’Eintracht, è entrato in tutti i gol segnati dalla squadra, con l’eccezione del match di Europa League contro l’Anversa: due gol e quattro assist in otto partite. Un’ascesi culminata nell’exploit dell’Allianz Arena, Bayern sconfitto a domicilio grazie a un gol e a un’assistenza del giocatore classe ’92. Kostic è ormai nel pieno della maturazione tecnica, è un giocatore completo, abbina velocità e tecnica, sarebbe stato perfetto per il sistema di Sarri.

RIPROVARE - Non che Zaccagni non sia un buon acquisto. Attenzione. L’ex Verona rimane un innesto interessante, ancora da scoprire, può dare tanto e al rientro sarà un’arma in più a disposizione dell’allenatore. L’auspicio, però, è che la Lazio possa tornare su Kostic, anche perché la sensazione è che Zaccagni possa essere un jolly e possa trovare spazio anche nel ruolo di mezzala, quindi non sarebbe chiuso da un eventuale arrivo del giocatore serbo. Andare ancora su Kostic, tentare un nuovo assalto nei prossimi mesi - tra gennaio e giugno - sarebbe importante per dare a Sarri un calciatore che aveva indicato e perché il valore dell’ex Amburgo è ormai sotto gli occhi di tutti. Certo, bisognerebbe ricucire i rapporti con l’Eintracht, trovare una mediazione con un club con cui ora le relazioni sono gelide, ma si sa che di fronte agli affari, alla prospettiva di trovare accordi convenienti per entrambe le parti, ogni sentimento negativo viene accantonato. Kostic può e (deve) tornare a essere un obiettivo di mercato della Lazio, perché la rivoluzione sarrista passa anche da un mercato adeguato a determinate esigenze. Non mollare il serbo e magari portarlo a Formello, sarebbe un segnale importante. Un segnale di buona volontà e di chiarezza di idee. 

Pubblicato 07/10