Lazio, Cataldi: "Formello ci manca. Scudetto? Vi do tutto quello che ho"

15.04.2020 07:30 di Valerio De Benedetti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Lazio, Cataldi: "Formello ci manca. Scudetto? Vi do tutto quello che ho"

Uno stop nel momento più bello, quello più intenso e atteso con trepidazione. La voglia di tornare in campo è tanta, ma si dovrà attendere ancora un po'. Per parlarne ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto Danilo Cataldi, che ha raccontato come sta vivendo questo periodo di quarantena forzata: "Sto bene, a casa naturalmente, si fa quel che si può. Il campo ci manca tantissimo, così come i compagni, lo staff, vivere la squadra quotidianamente. Anche per una questione fisiologica, per chi come noi è abituato ad allenarsi sempre, questo è complicato. Per noi è una cosa anomala, si fa un po’ fatica, ma dobbiamo rispettare tutto quello che ci dicono e sperare che possa finire presto tutto questo. Con i ragazzi ci videochiamiamo spesso, quindi una chiacchierata ce la facciamo sempre. Anche il gruppo Whatsapp di squadra è molto attivo, tutti i giorni. Sento il capitano Lulic, per sapere come sta se sta recuperando dall'infortunio. Ho sentito anche Sergej (Milinkovic ndr), mi prende in giro sui social, così come Correa. Appena mettono una foto su Instagram dovranno stare attenti", Danilo è pronto per la vendetta, scherzando ovviamente: "Scherzi a parte, abbiamo un gruppo fantastico, c’è un affetto particolare fra di noi". 

ALLENAMENTO A CASA – “Ci seguono quotidianamente, ci hanno messo tutto a disposizione per fare il meglio. Ovviamente non è lo stesso, il campo non è sostituibile in nessun modo, ma cerchiamo di tenerci in forma. Stiamo cercando di fare il massimo per questo. Io ho un piccolo giardino, quindi soprattutto in questi giorni l’ho consumato un po’. Ho usato lo spazio esterno, ma ho anche internamente delle piccole attrezzature che mi permettono di lavorare al meglio”.

CAMPIONATO – “Sicuramente ci hanno fermato in un momento che per noi era molto positivo. Purtroppo in queste situazioni non si può far nulla, ha preso alla sprovvista tutti. È una cosa molto spiacevole. Nel momento in cui si ripartirà però, penso che saremo tutti pronti per riprendere da dove avevamo lasciato. Abbiamo fatto un campionato incredibile e possiamo toglierci ancora tante soddisfazioni. La voglia rimane ed è grande, non c’è alcun dubbio. Sappiamo quali siano i nostri obiettivi e in che direzione dovremo andare. La voglia non si è mai spenta. Saremo pronti e carichi”.

SCUDETTO – “Cosa darei per lo scudetto? Ma chiedetemi tutto, tranne la mia famiglia, scambierei qualsiasi cosa per vincerlo. Fatemi una lista vi do tutto (ride ndr). Stiamo parlando della cosa più bella e gloriosa di tutte. Aldilà delle altre competizioni, il campionato è la cosa più difficile, devi avere una continuità incredibile per arrivare in testa alla fine. Siamo lì, dobbiamo lottare. Abbiamo sempre detto che l’obiettivo era la Champions, ma ora proveremo ad alzare l’asticella”.

ROMA VUOTA – “Sono sincero, non sono mai uscito di casa se non per andare a fare la spesa. Roma però è sempre bella, anche se la situazione è un po’ surreale. Cosa mi ha impressionato di più in questi giorni? Ci sono molte cose, però poi magari si può risultare offensivi verso qualcuno dicendone una. L’unica cosa che dico, è che se ci sono dei divieti e delle regole, bisogna rispettarli”.

PASQUA – “Mia moglie mi ha fatto questa sorpresa. Mi ha regalato questo uovo di Pasqua speciale, fatto per beneficienza attraverso Suor Paola. È una miniatura dell’attimo del gol di Ryad”.

LE PUNIZIONI – “Quando sono in campo, cerco di allenarmi a fine allenamento sulle punizioni. Mi è sempre piaciuto calciare da fermo. A Ryad è stata perfetta, a Genova era un po’ più difficile, ma sono riuscito a tirare forte sopra la barriera”.

SPRINT FINALE – “Questa è una pausa particolare e ripartire non sarà facile. Immagino che però ci sarà un periodo di preparazione prima di tornare in campo. Speriamo che diventi una spinta in più per lo sprint finale”.

TOMMASO – “Tommasino è bravissimo, è cresciuto tanto nell’ultimo periodo. È un treno, non si ferma mai, ma penso sia positivo. Sta bene, la notte fa qualche capriccio, però va bene così. Nell’ultimo periodo me lo sto godendo appieno. Forse è la prima volta che mi capita e sono felice”.

COSA FA CATALDI IN QUARANTENA – “Io sto giocando alla play tutto il tempo, a Call of Duty. Mia moglie mi fa pulire la cucina, ormai sono esperto, se vi serve di pulire chiamatemi (ride ndr). Ora sto provando a fare un grande puzzle, una cosa più tranquilla. Poi ogni tanto devo rivedermi le partite vecchie, perchè mi manca troppo, senza non ce la faccio. Anche solo l’entrare a Formello, è una cosa che aspetto con molta ansia”.

Rezza si scusa: "Volevo sdrammatizzare"

Coronavirus, indagine per epidemia colposa

TORNA ALLA HOMEPAGE

Pubblicato il 14/04 alle 15:30