Lazio, Rino Foschi: “Sarri farà molto bene, è uno dei migliori. Inzaghi? La sua una scelta giusta"

Rino Foschi è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per rispondere ad alcune domande sulla situazione della Lazio e sulla prossima stagione.
21.08.2021 13:00 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Ludovica Lamboglia - Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Rino Foschi: “Sarri farà molto bene, è uno dei migliori. Inzaghi? La sua una scelta giusta"

La Serie A sta per partire e la finestra di calciomercato si appresta a concludersi. Il presidente Claudio Lotito ha operato lo sblocco dell'indice di liquidità (serviva un versamento intorno ai 10 milioni di euro). Le ufficialità dei nuovi acquisti e dei rinnovi di contratto sono state comunicate. Mancano davvero poche ore all'inizio della nuova stagione e le rose del nostro campionato però, sono ancora incomplete. Quest'estate c'è stato un vero e proprio valzer sulle panchine. Da più vicino abbiamo visto l'addio di Simone Inzaghi alla Lazio e l'inaspettato arrivo di Sarri a Roma. Rino Foschi, direttore sportivo del Palermo, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per rispondere ad alcune domande riguardo questi argomenti.

Quest’anno molte cose sono cambiate nel nostro campionato: dal valzer delle panchine ai diversi acquisti e cessioni. Cosa si aspetta dalla nuova stagione?

"E’ ancora da vedere, le squadre sono incomplete, ci sono pochi soldi. Molto probabilmente sarà un bel campionato. Favorita per lo scudetto? Se torniamo indietro di 3 anni, il titolo lo vinceva la Juventus e dalla seconda e terza posizione c’erano 20 punti di distacco. Adesso invece abbiamo un campionato in cui ci sono le stesse squadre ma che si equivalgono tra loro. Sarà un bel campionato, non ci sarà una favorita, vediamo a fine campionato come si evolverà la situazione".

Quali sono le sue sensazioni in merito all’approdo di Sarri alla Lazio? Come vede la rosa con il passaggio dal modulo di Inzaghi del 3-5-2 al nuovo 4-3-3?

"Premetto che Sarri lo vedo ben in qualsiasi club perché per me è uno dei più grandi allenatori. Se lui è alla Lazio e ha accettato è  perché ha già capito che nei suoi concetti ci sono gli uomini giusti per poter fare quello che vuole. Sarri per me farà molto molto bene. Stimo la Lazio perché è una buona squadra. I giocatori quando sapranno cosa vuole realmente il nuovo tecnico, lo applicheranno nel migliore dei modi. La rosa ha le caratteristiche che lui cerca altrimenti non avrebbe firmato il contratto. Quindi non è una sorpresa se fa bene, lo sarebbe se dovesse far male".

Dopo 5 anni sulla panchina della Lazio, Simone Inzaghi avrebbe potuto dare ancora qualcosa alla squadra o crede fosse davvero finito un ciclo con lui?

"Io penso che Inzaghi ha fatto il suo tempo alla Lazio, per me ha fatto una bella scelta. E’ andato all’Inter e deve rimboccarsi le maniche e cambiare un certo tipo di mentalità di mercato. Si adatterà e secondo me farà anche bene, stesso discorso vale per Sarri. Questo perché parliamo di uomini seri che fanno gli allenatori, sono delle garanzie. Il momento è difficile ma sono entrambi delle garanzie".

Che movimenti si aspetta da qui alla fine della finestra di calciomercato e quali potrebbero essere le soluzioni per risolvere il mercato in entrata e in uscita?

"Sappiamo delle difficoltà che ci sono in Italia, lo vediamo nell’Inter, nella Juventus, con il Milan e tante altre. Lukaku è stato ceduto al Chelsea perché il club di Zhang aveva bisogno di fare cassa. Per me l’Inter ha fatto un gran bel colpo a vendere Lukaku, e lui di conseguenza è andato in un buon club. Stesso discorso vale per la Juventus e le altre squadre perché nella Serie A sono cambiate tante cose. Io sono realista: in questo momento il calcio sta attraversando un periodo difficile in cui c’è bisogno di far cassa e certi soldi non si spendono più. Questo momento qui, quello che conta è incassare soldi e non comprare, perché non ne abbiamo da spendere. In questi ultimi 3-4 anni è cambiato tutto. Abbiamo vinto l’Europeo e questo ci ha dato una spinta di carica non indifferente che ci ha aiutato molto. Anche la Lazio ha difficoltà nel calciomercato. Lotito infatti, solo in questi giorni ha cominciato a pagare perché ha dei problemi societari, ma come tutte le altre squadre d’altronde. Nella Serie A dobbiamo tenere bene in mente che determinate operazioni di mercato non si possono fare, o se si fanno, si fanno mascherate. Un esempio è la Juventus con il Sassuolo che per prendere a tutti i costi Locatelli, lo pagherà tra due anni. E questo la dice lunga perchè nei bilanci non ci sono ancora le possibilità per fare determinate operazioni nell’immediato. Secondo me ci vorranno almeno due anni per ripartire".

©️ RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Calciomercato Lazio, è fatta per Pedro: fumata bianca in arrivo, i dettagli

Lazio, Berti: "Sarri è entusiasta e carico. L'ho sentito ed era molto motivato"

TORNA ALL'HOME PAGE