Lazio - Lokomotiv, Sarri: "Derby? Non rispondo alla pantomima di Mourinho". E replica alla Lega...

01.10.2021 07:20 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Martina Barnabei - Lalaziosiamonoi.it
© foto di Image Sport
Lazio - Lokomotiv, Sarri: "Derby? Non rispondo alla pantomima di Mourinho". E replica alla Lega...

Si è conclusa la seconda giornata della fase a gironi di Europa League, la Lazio ha battuto il Lokomotiv per 2 a 0 grazie alle reti di Basic e Patric. I ragazzi di Sarri, archiviata la sconfitta contro il Galatasaray, possono ora proseguire con ottimismo il loro percorso in Europa e cercare di centrare la qualificazione. Ai microfoni di Sky, per analizzare la partita, è intervenuto Maurizio Sarri: “Questa è una squadra che ha caratteristiche che vanno esaltate. È migliorata tecnicamente nelle ultime due partite, la velocità di circolazione della palla è stata diversa e abbiamo fatto una buona partita. Mi dispiace che sia finita solo con due gol di scarto ma sono contento che abbiano segnato Basic e Patric. Ciro? Non sta male, lui ha la sensazione di essersi fermato in tempo speriamo che sia solo un risentimento tendineo e non muscolare”

LIVELLO SQUADRA“Non è che quando inizi un percorso nuovo puoi aspettarti dei riscontri temporali immediati. Era una delle squadre più difficili per me perché venivano da un calcio diverso ed è un percorso difficile per me a differenza di Napoli dove giocavano in modo più vicino a me”

ESTERNI – “Mi ci è voluto un po’ di tempo per capire come utilizzarli, per me uno si eprime meglio a destra e l’altro a sinistra anche se, se parli con loro ti dicono che giocano meglio a sinistra”

DERBY - “Mourinho? Io ho grande stima di lui e non gli rispondo, a questa pantomima non ci sto. Ha tutto il diritto di dire quello che vuole". A Dazn poi Sarri ha aggiunto: "Non ascolto, leggo e guardo niente, mi striscia tutto sopra. A questi teatrini non ci voglio stare, ho stima di Mourinho, mi è simpatico, ha le sue idee e se le tiene".

LA RISPOSTA ALLA LEGA - "Rispondo volentieri alla Lega Calcio che ieri ha fatto un comunicato dove dice che io non conosco il regolamento, ma forse loro non conoscono i regolamenti che fanno loro stessi. Non so a cosa si riferiscono quando parlano delle 48 h ma molto probabilmente si riferiscono a normative Uefa, noi domenica non giochiamo una partita Uefa ma di Serie A. C’è un comunicato del 14 luglio del 2021 n. 5 in cui la Lega dice che una squadra che gioca deve avere almeno due giorni di riposo e può giocare solo il terzo giorno. Io non conosco bene il regolamento Uefa ma faccio l’allenatore, loro che emanano i regolamenti e non li conoscono questo mi fa preoccupare. Noi prima di domenica non potevamo giocare ma per il regolamento Lega possiamo. Al di là dei regolamenti c’è il buonsenso che non è una dote comune anzi è molto rara, e una persona dotata di buonsenso avrebbe detto che le due squadre che hanno giocato giovedi sera mettiamole negli ultimi due slot. A noi ci hanno messo nel primo utile per giocare. Non mi sembra un buon trattamento per tutela dei miei giocatori e tutela del popolo laziale e del calcio. Se la prossima settimana fanno la stessa cosa anche con Napoli e Roma io sarò disturbato ugualmente”.

Il tecnico della Lazio è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Channel: "Del girone lo sapevamo sin dall’inizio che sarebbe stato difficile. Si sta rivelando quello che tutti noi ci aspettavamo ossia il girone più forte dell’Europa League. Ci fa piacere essere tornati subito dentro la classifica ma sappiamo che sarà dura e lunga. Noi nelle ultime due partite abbiamo migliorato molto la circolazione della palla, questa sera siamo stati bravi a uscire da dietro, potevamo uscire molto di più per le vie esterne uscire anziché per quelle interne, perché con quei due trequartisti dietro l’attaccante centrale la costruzione centrale diventava difficile, siamo stati bravi a tirarli da un lato e poi a giocare improvvisamente su un lato opposto. I ragazzi sono stati molto bravi in questo. Patric è un giocatore che ha aggressività e velocità, sulle uscite da dietro ha una discreta qualità. In una linea a 4 può fare anche l’esterno ma lo vedo più come centrale. Basic è un buon giocatore sta facendo un buon percorso, viene da un'altra cultura e un altro campionato, arriva qui che gioca e si allena in modo diverso e non parla la nostra lingua. Aver fatto cosi in un mese mi sta stupendo. Su Immobile si spera non sia nulla di grave, aspettiamo domattina per avere la certezza. Un po’ di forzatura è venuta anche dall’infortunio di Zaccagni, bisognava vincerla a tutti costi non potevamo caricarla tutta sulle spalle di Moro".

Pubblicato 30/09