Lazio - Torino, da Iago Falque a Muriqi: sfide tra veleni, rigori e polemiche

Tensioni e polemiche arbitrali, rigori non assegnati: i match tra Lazio e Torino hanno fatto discutere negli ultimi anni...
20.05.2021 07:18 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: lalaziosiamonoi.it
Lazio - Torino, da Iago Falque a Muriqi: sfide tra veleni, rigori e polemiche

Lazio - Torino fa rima con polemiche. I match tra biancocelesti e granata, ormai, sembrano destinati a continui strascichi polemici e a giorni di dichiarazioni più o meno a effetto.Negli ultimi quattro anni più che dell'amicizia tra Immobile e Belotti o delle gesta di Verdi e Luis Alberto, si è parlato dei dissapori tra Lotito e Cairo. Accuse, veleni e battaglie legali iniziate tutte nel dicembre del 2017. La squadra di Inzaghi inciampa in una serata storta e nelle decisioni di Giacomelli. Il mancato rigore per il solare fallo di mano di Iago Falque, ma soprattutto l'espulsione di Immobile, decisa dal Var, hanno condizionato l'intera partita. Una sfida che ha segnato l'intera stagione che ha visto i capitolini non andare in Champions per un solo punto, ma con tante decisioni arbitrali più che discutibili. Nella gara di ritorno la Lazio espugnò il Piemonte grazie all'incornata di Sergej Milinkovic Savic. Il serbo si era anche guadagnato una massima punizione per un fallo di Nkoulou ai suoi danni. Rigore che Sirigu aveva bloccato a Luis Alberto. In una delle poche partite senza particolari proteste.  

2018/19 - Le polemiche continuano anche nel campionato successivo con la Lazio che impatta all'Olimpico per 1-1. Ancora protagonisti gli arbitri con Irrati che assegna un penalty per una minima spinta di Marusic a Belotti. Nella stessa gara, però, il direttore di gara sorvola su due episodi simili ai danni di Acerbi e Immobile. I rapporti continuano a essere tesi, ma nei due successivi match non ci sono particolari episodi incriminati. Il Torino si aggiudica l'ultima gara dell'annata e strappa il settimo posto alle aquile. Lulic e compagni, però, sono implacabili e imbattibili nel finale del 2019 e tra le tante vittime della loro cavalcata c'è il Toro. Polemiche che si riaccendono dopo il lockdown quando la Lazio vince in rimonta sul campo dei piemontesi. Proteste vibranti delle aquile per una netta carica di Bremer ai danni Milinkovic e per i gialli (un po' affrettati) ai danni dei diffidati Caicedo e Immobile, costretti poi a saltare il Milan. Luis Alberto, in una diretta Twitch, indicò proprio il fallo ai danni del Sergente come uno degli eppisodi negativi ai danni della sua squadra. 

2019/20 - Tutta la tensione degli ultimi anni è esplosa in questo campionato. Le due sfide sono state tesissime sul campo, ma soprattutto dopo. Andiamo con ordine al 4-3 in rimonta  dei ragazzi di Inzaghi che con Immobile e Caicedo hanno portato a casa i tre punti in pieno recupero. Una vittoria voluta e inseguita con le unghie e con i denti. Successo che però ha acceso la battaglia legale tra i club per le presunte e non confermate positività di Immobile, Lucas Leiva e Strakosha. Il processo ha di fatto dato ragione ai capitolini, ma il Torino e Cairo si sono fatti sentire. Sul campo un rigore per parte con quello assegnato alla Lazio solo dopo la revisione alla Var, nonostante il fallo di mano di Nkoulou fosse abbastanza visibile. Non meno tumultuoso è stato il match di ritorno. La partita è stata rinviata per il focolaio di covid scoppiato all'interno dello spogliatoio granata tra polemiche, veleni e processi. Alla fine si è arrivati al 18 maggio come data di recupero. Il campo ha parlato e ancora una volta è la Lazio ad avere di che lamentarsi. Il gol annullato a Immobile e i due rigori non concessi per le spinte di Ansaldi e Bremer ai danni di Muriqi sono episodi che hanno fatto arrabbiare i capitolini. Gli errori sul campo, però, sono stati spazzati via da cosa è successo sugli spalti, negli spogliatoi e sui social. Lazio - Torino è una sfida destinata a non finire mai tra veleni, polemiche e rigori. 

Pubblicato il 19/05