Sturm Graz - Lazio, Cataldi: "Risultato? Non ci soddisfa. Girone non così facile come si pensava"

06.10.2022 21:03 di Lalaziosiamonoi Redazione   vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Sturm Graz - Lazio, Cataldi: "Risultato? Non ci soddisfa. Girone non così facile come si pensava"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nel post partita tra Sturm Graz e Lazio, Danilo Cataldi ha commentato ai microfoni di Lazio Style Radio, non proprio soddisfatto come ci aspettava, il pareggio ottenuto: "Il risultato non ci soddisfa. Volevamo i 3 punti,soprattutto dopo Midtjylland. Loro sono stati aggressivi, il campo non era il massimo, ti portava a commettere errori tecnici. Abbiamo sbagliato tanto ma ci teniamo questo punto, è importante non concedere gol. Vedremo il ritorno all’Olimpico. Potevamo fare di più, abbiamo spinto nell’ultima mezz’ora e non siamo riusciti a sfruttare occasioni. Il girone? Non è facile come si pensava, è tosto. Ora avremo 2 partite in casa, pensiamo a Firenze. Penso che ci sia tempo per recuperare per entrambe. Sappiamo che dopo le partite d'Europa non facciamo bene di solito, quest’anno siamo migliorati. A Firenze sarà dura".

Il centrocampista è poi intervenuto ai microfoni di Sky Sport: "Sicuramente non è un buon risultato, abbiamo fatto una brutta figura in Danimarca e ci servivano tre punti sicuramente. La cosa positiva è che usciamo dalla partita senza aver subito gol e tra una settimana c’è di nuovo l’Europa, prima passeremo per Firenze però siamo dentro e ce la giocheremo fino alla fine. Girone? Sappiamo che in Europa non è mai semplice, vieni a giocare in questi stadi dove c’è confusione, la squadra in casa è sempre molto aggressiva e le partite non sono mai scontate. Ce lo insegna la storia di tante partiche che sembravano facili sulla carta e poi si sono tramutate in brutte figure, come ci è successo in Danimarca. Io penso che abbiamo ottime opportunità per passare il girone e adesso ci rimetteremo sulla buona strada. Prima passiamo per Firenze e poi ci ributtiamo in Europa”