Lazio, Immobile: "C'è da fare un mea culpa, non siamo tranquilli. Sullo scudetto..."

Ciro Immobile al termine di Lecce-Lazio ha fatto la sua disamina sul momento dei biancocelesti: "Abbiamo sofferto tanto il ritorno in campo".
08.07.2020 07:28 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: lalaziosiamonoi.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Lazio, Immobile: "C'è da fare un mea culpa, non siamo tranquilli. Sullo scudetto..."

La Lazio esce sconfitta da Lecce, 2-1 per i salentini. Non bastano il regalo iniziale di Gabriel e il rigore sbagliato da Mancosu prima dell’intervallo. I biancocelesti sprecano il vantaggio siglato da Caicedo e si fanno rimontare dagli avversari. Al termine dell’incontro Ciro Immobile è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio. Ecco le sue parole.

IL LOCKDOWN - "Ci ha penalizzato questa situazione, non siamo gli stessi di prima soprattutto dal punto di vista mentale. Non è un alibi ma solo un dato di fatto. L’obiettivo della Champions è quello che ci siamo prefissati all’inizio e sotto quel punto di vista siamo tranquilli però dobbiamo finire la stagione nel migliore dei modi per non buttare via quanto di buono fatto fin qui." 

L'ARBITRAGGIO - "Era il Lecce che si trovava in una posizione scomoda di classifica e per loro l’attenzione era massima, per questo c’era nervosismo. Non c’è gran che da recriminare, dobbiamo restare tranquilli perché il nervosismo non fa bene."

LA FATICA - "Quando devi sempre rincorrere sprechi tante energie mentali e fisiche e non è semplice. Dobbiamo sfruttare i pochi momenti per riposare."

IL GOL MANCATO - "Gabriel si è superato, ha fatto tre parate incredibile. Erano appesi ad un filo, lottano per non retrocedere e hanno avuto più fame di noi."

GLI OBIETTIVI PERSONALI - "La squadra gioca sempre per me, ci sono obiettivi personali che non devono farmi innervosire. Dopo il lockdown non sono stato più io e devo tornare più sereno. Non è questo il vero Ciro, devo fare di più."

Ciro Immobile ha poi analizzato la sconfitta ai microfoni di Sky Sport: "Abbiamo sofferto tanto il ritorno in campo, soprattutto sotto l’aspetto mentale. È un momento un po’ così, che non toglie nulla alla stagione straordinaria che abbiamo fatto. Dobbiamo cercare di concluderla nel miglior modo possibile, facendo più punti. Sapore della resa per quanto riguarda lo scudetto? Fino a quando la matematica non ci condanna, ci facciamo il pensiero. Non deve essere un’ossessione, dobbiamo stare tranquilli. In questo momento non lo siamo. C’è da fare un mea culpa. Non è stata una delle mie migliori partite, bisogna guardare alla prossima. Non riusciamo a fare cose che facevamo prima, non divertiamo la gente. Fisicamente non stiamo al meglio. È ovvio che non potevamo essere gli stessi di prima, ci sta di rimettersi in moto, al lavoro. Ricordarsi quello che abbiamo fatto e ripartire da lì".

Pubblicato 07/07/2020 alle 22:25