Lazio, Lotito: "In Inghilterra hanno vinto le idee, possibile anche in Serie A"

Intervenuto in occasione della presentazione del calendario di Serie A, Claudio Lotito ha parlato della Lazio e di Milinkovic Savic
30.07.2019 07:00 di Laura Castellani Twitter:    Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
Lazio, Lotito: "In Inghilterra hanno vinto le idee, possibile anche in Serie A"

AGGIORNAMENTO ORE 20.35 - Ai microfoni di Sky Sport, Lotito ha commentato i sorteggi e non solo: "Un derby alla seconda di campionato non me lo ricordo nemmeno io, speriamo che la squadra si faccia trovare pronta e che possa dimostrare la stessa determinazione che abbiamo visto nella stracittadina dello scorso girone di ritorno. Se ho davvero pensato di salutare Inzaghi? Vedete, io non considero le voci degli interessamenti delle altre società, che poi non so quanto ci fossero. Io credo che inzaghi non avesse finito un ciclo, con la vittoria della Supercoppa e poi della Coppa Italia, per cui per entrambi era giusto continuare. Entrambi pensavamo fosse un peccato interrompere questo ciclo. La Lazio non è più punto di partenza ma di arrivo". Milinkovic via solo con offerte da capogiro: "Quanto può crescere ancora? Tutti i giocatori hanno delle grandi potenzialità, si tratta delle capacità e dei tempi di adattamento. Alcuni purtroppo ci mettono più tempo, magari una stagione, poi però dopo esplodono. c'è chi ha avuto maggior tempo di esprimersi al massimo. i giocatori devono trovare anche ambienti idonei per esprimersi. Non sempre accade, concorrono tanti fattori. I risultati sono anche frutto di aspetti ambientali".

COME IL LEICESTER - Sull'obiettivo di questa stagione: "Se ho già parlato con Inzaghi e Tare? Non serve farlo, perché gli obiettivi, i risultati, sono frutto del lavoro di tutti. tutti insieme ci siamo proposti di raggiungere certi obiettivi, con la cooperazione di tutti, tifosi compresi. tutti lavoriamo per far esprimere una squadra con grandi potenzialità al massimo. Se restiamo uniti anche negli intenti ci leveremo grosse soddisfazioni. I traguardi non bisogna pronosticarli ma raggiungerli. Avremmo meritato la Champions per due stagioni, ma non ci siamo riusciti. Abbiamo anche commesso degli errori. Impariamo da questi, la squadra ha potenzialità importanti e può farsi valere con tutte. Questa potenzialità speriamo possa trasformarsi in risultati. Juventus padrona del campionato? Sicuramente è un grande club con potenzialità economiche superiori agli altri, ma io sono convinto che l'aspetto economico possa essere colmato attraverso l'organizzazione, la programmazione, le idee. Siamo cresciuti molto in termini di strutture, determinazione e organizzazione. Voglio ricordare che siamo la società che ha vinto di più dopo la Juve. Se tutti siamo concentrati e motivati verso un obiettivo, e in più c'è una società che lavora bene attraverso la programmazione, si può arrivare lontano. D'altronde, è successo in inghilterra, perché non qui?".  

AGGIORNAMENTO ORE 19.20 - La nuova stagione è destinata a partire subito forte: prima giornata contro la Samp di Di Francesco, un quasi derby. Poi, la stracittadina vera e propria con la sfida alla Roma nella seconda di campionato: "Abbiamo fatto qualche cambiamento, speriamo che la squadra mantenga l'impianto dello scorso anno, soprattutto per quanto riguarda lo spirito di gruppo, la determinazione e l'umiltà. Lo scorso anno abbiamo avuto buoni risultati nei derby, mi riferisco all'ultimo, speriamo di replicare. Milinkovic? Non leggo giornali né vedo tv, si fa tanto clamore per situazioni che ancora non si sono concretizzate. Qualora qualcuno si facesse sentire, verranno valutate le offerte nel rispetto della società e del giocatore"

Intervenuto ai microfoni di SportItalia in occasione della presentazione del calendario di Serie A, Claudio Lotito ha fatto il punto della situazione in casa Lazio: "Ci stiamo attrezzando per fare bene, vediamo cosa riusciremo a fare da qui a fine mercato. Vogliamo costruire una squadra molto competitiva. Milinkovic Savic? Vedremo quali condizioni si verranno a creare sul mercato, noi con lui abbiamo un ottimo rapporto. Vedremo le offerte che arriveranno dal mercato, con uno spirito di collaborazione che tuteli l'interesse della società e quello del calciatore. Quanto vale? Il mercato non si fa davanti alla tv. Io non l'ho messo in vendita e lui sta bene con noi. Vedremo se ci sono le condizioni e che tipo di condizioni verranno offerte. Vogliamo tutelare gli interessi del calciatore e della società". A proposito del mercato in entrata: "Gli investimenti che sono stati fatti negli anni scorsi ci hanno permesso di lottare ad alti livelli, poi i risultati dipendono anche da elementi imponderabili. Spero quest'anno si possa far tesoro degli errori commessi nell'ultimo stagione, si parte con la voglia di affermare le nostre qualità. Vediamo cosa succederà".

Pubblicato alle 18.46

LAZIO, LA DIRETTA DEL SORTEGGIO CON LLSN

LAZIO, IL GIORNO DI CIPRIANO IN PAIDEIA

TORNA ALLA HOME PAGE