Allenatore Lazio | cronaca di una giornata convulsa: stop ad AVB e con Sarri...

La Lazio tiene quella di Maurizio Sarri come opzione principale per la propria panchina, per questo anche lo stop a Villas Boas.
31.05.2021 07:30 di Lalaziosiamonoi Redazione   Vedi letture
Fonte: Lalaziosiamonoi.it
© foto di Image Sport
Allenatore Lazio | cronaca di una giornata convulsa: stop ad AVB e con Sarri...

Altra giornata intensa, altre ore importanti per il futuro della panchina della Lazio. La mattinata di domenica doveva corrispondere con lo sbarco nella Capitale di Andre Villas Boas, ma alla fine l’allenatore ex Chelsea e Tottenham non s’è mosso dal Portogallo. Il motivo? La società, che lo teneva in caldo come alternativa a Maurizio Sarri, ha deciso di stoppare il viaggio. Per due motivi principalmente. Il primo: Lotito è sempre più convinto di andare diretto sull’ex Napoli e Juventus, è ormai il prescelto e si proverà in tutti i modi ad arrivare a dama. Non semplice, ma con il passare delle ore i segnali di fiducia sono aumentati. Le alternative, quindi, al momento, sono in stand by, compreso Villas Boas. Secondo motivo: la notizia dell’arrivo del portoghese a Roma ha indispettito l’entourage di Sarri, ci sono stati contatti “movimentati” e così si è deciso di non andare avanti.

SCENARI - Claudio Lotito è in pressing, vuole convincere Sarri della bontà del progetto biancoceleste. Rimane lo scoglio economico, non tanto per il primo anno di contratto, visto che l’allenatore percepirà 2,5 milioni di euro dalla Juventus per il mancato rinnovo di contratto, quanto per i successivi. Sarri sa di non poter chiedere a Lotito un ingaggio da 4 milioni a stagione, ma la Lazio per ora s’è fermata a 2,8 più bonus. Serve un ulteriore sforzo. Oggi c’è stato un meeting tra Fali Ramadani e lo stesso Sarri, l’agente ha fatto capire al tecnico che la soluzione Lazio è da tenere in grande considerazione, che possa dare prospettive tecniche interessanti e domani dovrebbe andare in scena un contatto diretto tra la società e l’entourage del tecnico per cercare di fare ulteriori passi avanti la trattativa. Insomma la diplomazia è a lavoro, ci sono margini per sperare nella buona riuscita dell’operazione. Ma serve pazienza…

Pubblicato il 30/05 alle ore 21:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.